La Procura di Milano ha chiuso le indagini, in vista di una richiesta di rinvio a giudizio, nei confronti di tre manager di Apple per una presunta evasione fiscale. L’ipotesi è il mancato versamento dell’Ires per un totale di circa 879 milioni di euro in 5 anni, dal 2008 al 2013.

L’avviso di conclusione dell’inchiesta riguarda il legale rappresentante e amministratore delegato di Apple Italia Enzo Biagini e il direttore finanziario Mauro Cardaio, nonché il manager della irlandese Apple Sales International, Michael Thomas O’Sullivan. Il reato contestato è omessa dichiarazione in base all’articolo 5 del Decreto legislativo 74/2000.

Secondo l’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco e dai pm Adriano Scudieri e Carlo Nocerino e condotta dagli uomini della direzione regionale lombarda dell’Agenzia delle Dogane e dell’Agenzia delle Entrate, i profitti realizzati in Italia dalla multinazionale, secondo uno schema che sarebbe stato seguito da altri colossi dell’hi-tech e di internet, come Google (anche in questo caso a Milano è aperta un’inchiesta ma a carico di ignoti), sarebbero stati contabilizzati dalla società che ha sede in Irlanda, Paese dove la pressione fiscale è più favorevole.

Il fascicolo era stato aperto due anni fa e aveva portato anche a una perquisizione nella sede milanese della Apple e al sequestro di materiale informatico e telefonico. Allora i pm avevano contestato un altro reato e cioè la dichiarazione dei redditi fraudolenta (art.3 sempre del Decreto Legislativo 74 del 2000) e il periodo di imposta su cui erano partiti gli accertamenti erano il 2010 e il 2011.

Ora invece, dopo una serie di approfondimenti, inquirenti e investigatori sono arrivati a fare la ‘fotografia’ del periodo che va dal 2008 al 2013 e a riformulare il capo di imputazione nei confronti dei tre manager. Da quanto si è saputo solo dopo la chiusura delle indagini si cercherà di trovare un’intesa – ora in corso – tributaria/penale per tentare eventualmente di risarcire l’Agenzia delle Entrate, cosa che, per altro, dovrebbe alleggerire la posizione degli indagati.

“Apple è uno dei più grandi contribuenti al mondo e paghiamo ogni euro di tasse dovute ovunque operiamo”. Così afferma la società in una nota nella quale si precisa che “le autorità fiscali italiane hanno sottoposto a verifiche fiscali le attività italiane di Apple nel 2007, 2008 e 2009 e hanno confermato che eravamo in piena conformità con i requisiti di documentazione e di trasparenza Ocse. Queste nuove accuse contro i nostri dipendenti sono completamente prive di fondamento e siamo fiduciosi che questo procedimento arriverà alla stessa conclusione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, Tesoro a caccia di supervisori della legalità interni alle partecipate

next
Articolo Successivo

Eni, lo strano caso del doppio ruolo dell’arbitro con Edison, Ugo Draetta

next