Nato dalla penna dello scrittore Carlo Lucarelli, per quattro stagioni televisive l’ispettore Coliandro è stato protagonista di una Bologna dalle tinte noir. E ora, il braccio maldestro della legge è pronto a tornare sul piccolo schermo. A maggio, e per 18 settimane, infatti, inizieranno le riprese che daranno vita a sei nuovi episodi della serie divenuta un cult per migliaia di appassionati, rigorosamente interpretati da Giampaolo Morelli, Coliandro appunto, e diretti dai Manetti Bros, all’anagrafe i fratelli romani Marco e Antonio. Il tutto, ovviamente, all’ombra delle Due Torri. Bologna, del resto, non sarà solo la cornice all’interno del quale l’ispettore dovrà condurre le sue indagini un po’ maldestre ma sempre riuscite: anche le comparse selezionate durante i casting saranno tutte originarie del capoluogo emiliano romagnolo.

Per quanto riguarda il cast della nuova stagione, intitolata “Coliandro – Il ritorno“, poi, sono stati confermati tutti gli attori che già avevano accompagnato l’ispettore, amato dal pubblico un po’ per la sua sbadataggine, un po’ per la sua irriverenza, ma, soprattutto agli esordi, non dal servizio pubblico televisivo, tanto che la serie partì nel 2006 sulla Rai in sordina, per poi conquistare sempre più telespettatori.

La ricetta alla base dei nuovi episodi dedicati alle imprese di Coliandro, trasmessi su Rai Due, della durata di un film ciascuno, quindi, sarà lo stesso mix di ironia, sguaiataggine e gialli metropolitani di sempre, e più che essere una quinta stagione, il nuovo capitolo della saga rappresenterà a tutti gli effetti un ritorno vero e proprio. Dall’ultima apparizione televisiva del celebre poliziotto, in servizio alla questura di Bologna, del resto, sono già passati cinque anni. Una lunga attesa per gli amanti dello show, che sul piccolo schermo conobbero l’ispettore, inventato come sovrintendente da Lucarelli e poi trasformatosi in un vero e proprio modello di telefilm poliziesco lontano dai canoni classici della fiction internazionale, dal produttore Tommaso Dazzi, che letto il romanzo Giorno del Lupo volle farne una serie tv. 14 episodi in tutto, andati in onda suddivisi in quattro stagioni, tra il 2006 e il 2010.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma etica, Regione ritira il patrocinio: “Vegani, contrari a Expo e ai vaccini”

next
Articolo Successivo

Alitalia, pilota in Cassa integrazione ma lavorava per altra compagnia: assolto

next