Qualche settimana fa la notizia che il Partito Conservatore britannico stesse considerando il taglio dei sussidi sociali alle persone obese che rifiutano diete e terapie di dimagrimento ha suscitato molto scalpore. Il caso era nato dalla proposta di una consigliera comunale di Westminster a Londra che proponeva un sistema di ‘bastone e carota’, volto a migliorare la salute dei cittadini ma soprattutto a un risparmio di 5 miliardi di sterline che, come stimato dall’agenzia governativa Public Health England, vengono spesi ogni anno per curare malattie provocate dall’obesità. Parliamo ovviamente di obesità come definita dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e caratterizzata da un indice di massa corporea superiore a 30 non di giudizi soggettivi su cosa costituisca il peso ideale di un individuo.

L’obesità è sicuramente uno dei problemi più pressanti per il Regno Unito e ha ramificazioni serie sulla salute, la qualità della vita e la produttività degli individui. Si tratta di un problema che ha cause genetiche, comportamentali e socio-economiche e  spesso ha un’incidenza maggiore su gruppi sociali svantaggiati. Quindi  cambiare il proprio stile di vita, mangiare leggero e fare un po’ di movimento, spesso non basta.

Il governo però non può ignorare il fatto che i costi sociali e finanziari dell’obesità stiano crescendo esponenzialmente. E infatti i governi che si  sono succeduti dalla fine degli anni ‘90 hanno formulato politiche mirate a promuovere un’alimentazione sana, sussidiare attività sportive per bambini e anziani, lavorare con l’industria agroalimentare per ridurre grassi saturi, zuccheri e sale nei prodotti di largo consumo. Gli slogan del programma di sensibilizzazione pubblica  del Ministero della Salute Pubblica, Change4Life sono onnipresenti, e non si tratta di allarmismo e ossessione con l’estetica. Secondo  le rilevazioni del 2011 del Sistema Sanitario Nazionale (NHS) in Inghilterra, il 24% degli uomini e il 26% delle donne e il 9.5% dei bambini tra i 4 e i 5 anni erano clinicamente obesi.

E questa volta è il Regno Unito che guarda all’Italia per trovare soluzioni. L’NHS promuove con convinzione la dieta mediterranea perché, come confermano i dati pubblicati dall’Istat l’Italia è il Paese col tasso di obesità più basso d’Europa: appena al di sopra del 10%, dal 6.8% della virtuosissima Bolzano (6.8%) al 14.2% della  leggermente meno virtuosa Basilicata

obesita-grafico (Credits : NoiItalia, ISTAT)

Certo è merito della dieta mediterranea, forse di un briciolo di Italica vanità, e dell’attività sportiva visto che nel 2014 quasi il 32% degli italiani praticava uno sport con regolarità (nel 1997 era solo il dal 26,8%). Attenzione alla forma fisica dunque ma soprattutto la centralità che il cibo e la sua preparazione hanno storicamente avuto nella nostra cultura e che con naturalezza e orgoglio decliniamo da sempre in tradizioni regionali, ricette di famiglia, innovazione gourmet.

Questo ottimo primato italiano è messo a rischio dal perdurare di una situazione economica nazionale incerta che purtroppo spinge le famiglie a privilegiare la convenienza e non la qualità. Però innovazione in cucina, combinata con attenzione a gusto e salute sono nel nostro Dna, ne andiamo (giustamente !) fieri ed è bello riconoscere chiaramente queste caratteristiche nel lavoro di quello che per me è uno degli esempi migliori di eccellenza Italiana: il  Food Lab di Argotec.

Già perché è tutto italiano il menù degli astronauti dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea). Il cibo spaziale, la pappa grigiastra e insipida dei film di fantascienza, non è mai entrato nell’’Osteria’ di Avamposto42 dove Il cece nero della Murgia Carsica e la piattella Canavesana sono gli ingredienti delle zuppe che stanno rivoluzionando l’alimentazione degli astronauti, sposando la filosofia di Slow Food e i processi di preparazione più all’avanguardia.

Ecco, l’ Italia di cui andare davvero fieri, quella che sa di sapere e di saper fare. Crea un piccolo miracolo in un piatto e lo manda in orbita. Scienza e gusto, semplicità e innovazione, fantasia e imprenditorialità-  al prezzo di un buono pasto, in una bustina argentata.

Le lenticchie di Ustica nello spazio. Se non è virtuosismo questo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano con Majorino scopre un’anima sociale

next
Articolo Successivo

Cohousing per anziani: vivere insieme e più a lungo

next