Prima uccide un amico di famiglia dopo una lite, poi scappa e alcune ore dopo si spara alla gola con un fucile. È successo nelle campagne di Sannazzaro de’ Burgondi, nel Pavese. Il corpo del 35enne Matteo Zanin è stato trovato intorno alle 17, all’interno della sua Panda, dai carabinieri di Voghera durante un servizio di controllo nei pressi del cimitero di Scaldasole.

Secondo i carabinieri, il suicidio potrebbe essere avvenuto subito dopo l’omicidio, avvenuto intorno alle 13.00, dell’agricoltore sessantenne Maurizio Varesi. Sabato i due, amici di famiglia, avevano litigato a proposito dei lavori di ristrutturazione di un porticato che Zanin stava eseguendo alla cascina dell’agricoltore. L’indomani il 35enne è tornato sul posto con un fucile e ha ucciso Varesi sparandogli tre colpi al volto. A dare l’allarme il nipote del sessantenne. La vittima è stato trovata senza vita a bordo del suo trattore a poche decine di metri dalla cascina in cui viveva con la famiglia. Poi Zanin è fuggito e ha usato la stessa arma per togliersi la vita. Non era sposato ed è descritto come un uomo molto equilibrato. Tra lui e Varesi sembra non ci fossero mai stati dissidi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livelli essenziali di assistenza: “Lo Stato garantisca erogazione omogenea”

next
Articolo Successivo

Aler Milano, il sacco delle case popolari. “Buco da mezzo miliardo e fondi spariti”

next