Un vasto incendio è scoppiato nella Torch Tower di Dubai Marina, uno dei grattacieli residenziali più alti del mondo. Ingentissimi i danni, ma le autorità hanno detto che al momento non si segnalano vittime

Le fiamme, sviluppatesi intorno al cinquantesimo piano, avrebbero divorato dai 10 ai 15 piani dell’edificio, verso l’alto, alimentate anche dai forti venti. Centinaia le persone che sono state evacuate. La situazione adesso è sotto controllo e anche dall’esterno le immagini mostrano come il fronte del fuoco si sia visibilmente ridotto. 

Ancora ignote le cause che hanno scatenato l’incendio. Secondo alcuni testimoni l’allarme è scattato alle 2.05 locali. “Ci sono stati tre allarmi antincendio nell’ultima settimana e tutti si sono rivelati falsi: anche stavolta pensavo fosse una falsa allerta ma poi ho sentito odore di fumo”, ha raccontato uno dei residenti dell’edificio che abita al 59° piano.

“Ho preso il portafoglio e, con mia moglie, siamo scappati giù”, ha aggiunto.  La zona di Marina è sede di decine di imponenti condomini e alberghi, molti dei quali costruiti negli ultimi dieci anni. Gli appartamenti sono popolati in maggioranza da professionisti che si sono trasferiti a lavorare a Dubai.  L’edificio, inaugurato nel 2011, è tra le più alte torri residenziali del mondo con i suoi 361 metri di altezza e 79 piani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, “jihadista italiano originario di Venezia ucciso da cecchino curdo donna”

prev
Articolo Successivo

Appunti dal mondo a km zero – Milano

next