Parte dalla Toscana la protesta del sindacato UilTucs – categoria Uil che si occupa di turismo, commercio e servizi – contro il progetto che vorrebbe mettere al braccio dei lavoratori di Obi, catena di negozi di bricolage, un braccialetto vibrante che si attiva su richiesta di clienti bisognosi di aiuto. L’idea è nata nello store di Piacenza ed è descritta in un accordo firmato nel dicembre 2014, dalla Bbc srl (proprietaria di Obi) insieme alla Rsa del sindacato Filcams. Si tratta della dislocazione dentro il negozio di un sistema a chiamata: un pulsante a disposizione dei clienti. 

Una volta premuto, il segnale attiva una vibrazione sul polso dei dipendenti, vibrazione che si interrompe solo all’arrivo, sul posto, di un commesso. Marco Conficconi, segretario regionale UilTusc, risponde indignato: “La Bbc ha dichiarato di avere l’esigenza di ‘ottimizzare le risorse in sala vendita’ in realtà altro non fa che monitorare i lavoratori umiliandoli. È una prevaricazione che ha il gusto della repressione. Nemmeno ai carcerati si fanno cose del genere”. Secondo Conficconi, dietro questa mossa ci sarebbe la volontà di aggirare la contrattazione nazionale: “Ciò che molte aziende non riescono a far passare a livello nazionale cercano poi di sottoporlo, in maniera scorretta, direttamente alle delegazioni presenti nei negozi: che ovviamente non hanno la stessa forza di ribattere rispetto alle organizzazioni territoriali”.

E le novità introdotte dalla riforma del lavoro non aiutano: “Il Jobs Act ha fatto sì che molte aziende ragionassero su queste tecnologie, depotenziando l’azione dei sindacati e dando nuove possibilità a chi vuole controllare in maniera scorretta i lavoratori”. Secondo il sindacato, a Piacenza sarebbe già in corso, in questi giorni, l’installazione dei supporti elettronici necessari alla messa in opera del progetto.

Il gruppo Obi, interpellato, spiega: “È stato firmato questo accordo, è vero – racconta Elena Ottaviano, responsabile comunicazioni esterne del gruppo – ma perché noi, essendo azienda internazionale, prima ancora di avviare qualsiasi progetto ne parliamo con i sindacati. Detto questo – prosegue Ottaviano – è un progetto che non esiste, è rimasto sulla carta e non è stato mai implementato in nessun negozio, nemmeno in quello di Piacenza”. In merito alle istallazioni che sarebbero già iniziate, Ottaviano spiega: “Non hanno nulla a che vedere col progetto: quelle installazioni servono a dare accesso wi-fi gratuito nei negozi”.

da il Fatto Quotidiano del 18 febbraio 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jobs act, ok commissione Camera a tutele crescenti. Ma maggioranza si spacca

prev
Articolo Successivo

Jobs act, bloccati i nuovi co.co.pro. Ma non spariranno. Uil: “Ministro generico”

next