E’ lotta contro il tempo per salvare le circa 200 balene  pilota arenate sulla spiaggia di Farewell Spit, nella Golden Bay, nel nord-ovest dell’Isola del Sud, in Nuova Zelanda. Purtroppo, nonostante l’azione ininterrotta di centinaia di volontari, per oltre la metà non c’è stato nulla da fare. Ora si teme per i restanti 90 esemplari. “Centotre sono morte e adesso stiamo cercando di mantenere in vita le altre. Circa 150 volontari si prendono cura di loro, per quanto possibile” bagnandole con l’acqua per mantenerle idratate, ha detto il portavoce del dipartimento di Conservazione neozelandese, Andrew Lamason.

Fruttando l’alta marea, ieri gran parte dei cetacei erano stati rimessi in mare, ma non sono riuscite a guadagnare il largo e decine di loro sono tornate indietro arenandosi di nuovo. Un nuovo tentativo sarà fatto questa sera, ma Lamason non ha escluso che si debba praticare loro l’eutanasia se il livello di stress fisico ed emozionale a cui sono sottoposte diventerà eccessivo. La spiaggia di Farewell Spit, sulla rotta che le balene compiono annualmente da e verso l’Antartide, è tristemente nota per i numerosi casi di spiaggiamento di balene pilota. Almeno otto casi si sono verificati negli ultimi dieci anni, di cui due in una sola settimana di gennaio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Copenaghen, il killer autore degli attentati era danese e noto ai Servizi

next
Articolo Successivo

Francia, profanate centinaia di tombe in un cimitero ebraico

next