Tempo di Quirinarie. Anche il popolo dei cinematti esprime il suo candidato e lo fa attraverso un sondaggio che indica il Presidente ideale scelto tra i registi italiani.

Habemus candidatum: il risultato finale premia il Nanni nazionale sia pure di stretta misura su Ettore Scola. “Finalmente qualcuno che dirà qualcosa di sinistra” è la considerazione più immediata. Già protagonista della scena politica italiana con i suoi girotondi, Moretti conserva il suo fascino “antipatico” che divide e fa discutere e il suo rigore etico lo favorisce e rafforza l’affetto dei suoi fan. Eppure avrebbe il vantaggio di poter dialogare con un Papa di quelli che probabilmente piacciono a lui, tallonato dall’Ettore del “c’eravamo tanto amati” che ebbe anch’egli un ruolo politico nel governo ombra occhettiano di fine anni ’80 come Ministro dei Beni Culturali (con Napolitano agli Esteri e Rodotà alla Giustizia…toh!).

Moretti-Scola-540

Con molto distacco ma meritevole di considerazione e non travolta da un insolito destino Lina Wertmüller risulta la donna più votata. Tornatore aspetta la migliore offerta ma si impone tra quelli appena in età da Presidente. Tra i gettonati anche tre mostri sacri del cinema: Bernardo Bertolucci, Ermanno Olmi e Liliana Cavani che però non convincono i cinevotanti restando molto indietro. C’è anche chi ha suggerito una doppia poltrona per i fratelli Taviani immaginando con fantasia una novità epocale.

A sorpresa emerge l’interesse verso Silvano Agosti che attualmente fa il proiezionista nel cinema Azzurro da lui gestito a Roma, che a suo tempo teorizzò la schiavitù del lavoro e che tre anni fa ha fatto domanda ufficiale all’Unesco e alle Nazioni Unite chiedendo che l’essere umano venga proclamato patrimonio dell’umanità. Non mancano i voti di protesta raccolti da Maccio Capatonda e Cetto La Qualunque e non da Giancarlo Magalli ignorato per non essere uomo di cinema. Infine, spiritosi i voti per Peppa Pig che a suo modo rappresenta le quote rosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italiano medio di Maccio Capatonda: “Alla fine siamo tutti perdenti”

next
Articolo Successivo

Turner, il film sulla vita del pittore: “Un gigante tra gli artisti del suo tempo”

next