I fichi rossi-libroI fichi rossi di Mazar-e Sharif è uno dei libri più belli, crudeli, spietati, cinici e reali che abbia letto negli ultimi tempi. Scritto da Mohammad Hossein Mohammadi (pubblicato in Italia da Edizioni Ponte33 e tradotto da Narges Samadi) è una sorta di “romanzo a racconti” che narra l’Afghanistan (più precisamente la città di Mazar-e Sharif) negli anni che vanno dal ritiro delle truppe sovietiche a quelli dei bombardamenti intelligenti sulla popolazione civile perpetrati dalla coalizione degli uomini liberi dell’Occidente.
Si tratta di storie che sono veri e propri pugni nello stomaco. Storie scritte con uno stile asciutto e semplice, uno stile che richiama il new journalism di Rodolfo Walsh o Ryszard Kapuściński senza però essere mai giornalistico, e alle strazianti emozioni che echeggiano nei romanzi di Yasmina Khadra.

Cronaca di un conflitto interminabile, i quattordici racconti de I fichi rossi di Mazar-e Sharif si trasformano, grazie alla scrittura lucida, elegante ed intensa di Mohammad Hossein Mohammadi, in una sinfonia di voci e di sentimenti sulle variazioni della guerra, la morte, l’amore, la nostalgia per un Afghanistan perduto.

La dolcezza del passato e l’orrore di un lungo presente, simboleggiati dall’albero di fichi del titolo che in un giardino di Mazar-e Sharif una bambina fruga alla ricerca di un frutto maturo, mentre il rombo degli aerei preannuncia morte e terrore, sono narrati attraverso una sapiente miscela di fantasia e realtà. Mohammadi, uno dei protagonisti della società civile di un Paese che cerca disperatamente di ritrovare una propria strada verso la normalità, ha scelto di far parlare tutti i protagonisti della tragedia corale nella quale l’insensatezza della guerra ha gettato l’Afghanistan: contadini uccisi mentre si apprestano a raccogliere il grano nell’intervallo tra una battaglia e l’altra; bambini che la guerra ha reso orfani, mutilati, segnati a fuoco dall’orrore senza fine degli adulti; madri di famiglia costrette a prostituirsi nonostante l’incubo della lapidazione; giovani fanciulle concupite come bottino di guerra; uomini normali che la guerra trasforma in mostri irsuti e insensibili; combattenti che scoprono le loro debolezze di uomini; difensori della libertà che dimenticano il rispetto di valori che neanche la guerra dovrebbe calpestare.

Mohammadi riserva ad ognuno di essi, anche a quei talebani esecrati dall’Occidente e temuti in Afghanistan, uno sguardo che scandaglia i loro sentimenti più profondi, e un posto nella Storia che la cronaca giornalistica ha spesso loro negato.

Mohammad Hossein Mohammadi è nato nel 1975 a Mazar-e Sharif ed è cresciuto in Iran, dove la sua famiglia si era rifugiata alcuni anni dopo la sua nascita. Conseguito il diploma, è rientrato in Afghanistan per studiare medicina a Balkh, ma l’arrivo dei talebani lo ha costretto a rientrare precipitosamente in Iran. Dopo aver attraversato un periodo difficile durante il quale ha lavorato anche come garzone in una sartoria, ha superato il concorso per l’ammissione all’Università della Radio e Televisione iraniana e ha iniziato a dedicarsi alla letteratura. Collabora con diverse riviste letterarie e dirige la Casa della Letteratura afgana. Nel 2010, ormai divenuto uno scrittore affermato, è rientrato a Kabul dove attualmente vive e dove ha fondato una casa editrice per promuovere giovani scrittori. Attualmente è direttore del dipartimento di giornalismo dell’Università Ibn Sina. I fichi rossi di Mazar-e Sharif è la sua prima raccolta di racconti con la quale ha vinto i premi Golshiri, Mehregan e Isfahan. Successivamente ha pubblicato due romanzi, una seconda raccolta di racconti e diversi saggi di storia e di critica letteraria.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Rossi in un “Arlecchino” infernale. A Milano “le mie opinioni di un clown”

next
Articolo Successivo

LRNZ, il fumettista romano immagina il futuro del nostro Paese in “Golem”

next