Da Beirut a Miami. Appena 21 anni e una carriera folgorante nel porno che le ha già fatto conquistare il primo posto nella classifica annuale di Pornhub. Ma insieme al successo, per Mia Khalifa, sono arrivate anche le minacce di morte. La sua professione, infatti, non è molto apprezzata dai fondamentalisti religiosi. Soprattutto dopo che l’attrice a luci rosse ha recitato in un film indossando l’hijab, il velo tipico delle donne musulmane.

Ma non è finita qui. Perché tra i tatuaggi di Mia Khalifa c’è una frase dell’inno libanese e la croce simbolo del partito cristiano-conservatore del suo Paese, una provocazione inaccettabile per molti integralisti libanesi. “Ma il Medio Oriente non ha cose più importanti di me a cui pensare?”, si è chiesta l’attrice su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, #JeSuisCharlie e il fantasma della Fallaci

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, caccia ai terroristi: ancora nulla di fatto – CRONACA IN DIRETTA

next