Abbiamo visto tutti cosa è accaduto ieri. Io e tanti amici disegnatori, editori, critici, appassionati ci stiamo ancora guardando negli occhi chiedendoci “Ma che cazzo è successo?”. Il mio amico Paolo Interdonato, critico ed esperto di fumetto, ha giustamente scritto che la redazione è il cuore pulsante di una rivista di satira e che lì non si spara. Ha ragione.

Appena mi è giunta la notizia ho pensato la stessa cosa. Un gruppo di amici e colleghi si riunisce per disegnare e cucinare il proprio giornale e fumarsi un cannone e non tornano più a casa.

Lì non si spara.

Quando accadono queste tragedie, mi interessano molto le reazioni di massa che le comunità inventano e praticano: alzare la matita verso il cielo, adottare lo slogan Je suis Charlie. Mi interessano perché anche attraverso questi gesti si misura l’interesse, la compassione, la sensibilità e il gusto dei popoli.

Tre anni fa sulle pagine del Male di Vauro e Vincino ho pubblicato una storia del mio Pasqualino tipo Capacissimo, l’arci italiano per eccellenza, cafone, menefreghista e approfittatore. In questo episodio Pasqualino è in visita in Islamia. Una storia satirico-demenziale in cui nessuno passa per genio, italiani o musulmani. Ricordo che mia madre la lesse divertendosi e mi chiese se volessi davvero pubblicarla. Le risposi “Sì, perché è troppo cretina?” e lei “No, perché quelli non hanno un gran senso dell’umorismo!”. Ovviamente non l’ascoltai pensando esagerasse e avevo evidentemente ragione perché infatti sono qui a scrivere.

Ma a qualcuno è andata peggio.

Ridare luce a queste tre paginette è la mia personale risposta all’atto intimidatorio che si è consumato ieri.

E un abbraccio a Charlie.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo, Stefano Disegni: “Wolinski, mio maestro e ispiratore”

next
Articolo Successivo

Erri De Luca, pamphlet dello scrittore imputato per frasi su sabotaggio Tav

next