Quando andai qualche anno fa a presentare all’Azzurro Scipioni di Agosti alcuni miei cortometraggi tra gli spettatori c’era anche Nicolino Pompa. Dopo la serata si avvicinò e mi lanciò una sfida ” vediamo che cosa riesci a tirare fuori da me con la tua piccola videocamera”. Ci scambiammo i numeri di telefono.

Tornai a Roma un anno dopo e mi ricordai della sfida. Lo chiamai e mi disse di raggiungerlo ad Ariccia. I miei video ritratti nascono così, incontro delle persone, accendo la videocamera e quello che succede lo filmo.

Ci sono delle trame sospese nella vita di tutti i giorni, a me interessano queste trame d’aria, invisibili e sotterranee. Amo il set fluido della vita, non c’è nulla di costruito, il mio sguardo svolazza come una farfalla e si posa dove sente la bellezza, e il nutrimento.

Walt Whitman, il poeta statunitense, ha scritto “chi tocca un libro tocca un uomo”. Con Nicolino la sensazione è diversa, toccare Nicolino è toccare le parole, è un uomo fatto di parole, parole sdrucite, scalze, strappate alle viscere della sua esistenza tormentata e solare, parole di fango, celesti, pulsanti, cariche di erotismo incarnato, pregne di una religiosità terrestre, umana, parole che scavano per dissetarsi e per dissetare l’ignoto.

La poesia per Nicolino è un tabernacolo inviolabile, e le sue ostie sono parole che si sciolgono in bocca, e che lasciano il sapore di un dio tumefatto. Ha un aspetto a metà strada tra Er monnezza (il famoso personaggio interpretato da Thomas Milian ) e…un prete ortodosso, ma si tratta semplicemente di un poeta, un poeta che ho avuto la fortuna di incontrare. Siamo stati assieme una giornata, sono venuti fuori due ritratti: Paladino Sghembo e Frammenti di una notte insieme a un poeta.

Per ora vi propongo il primo dei due. Buona visione.

Aforisma del giorno: sono un uomo fortunato, mi sono trovato tra due fuochi sempre nelle giornate di pioggia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ghetto di Venezia, 500 anni festeggiati con un restauro (finanziato dagli USA)

next
Articolo Successivo

La forza dell’editoria indipendente

next