“E’ una sua libera scelta”. Così Fabrizio Viola, Ad di banca Monte dei Paschi di Siena, commenta le recenti dichiarazioni del fondatore di Libera, Don Luigi Ciotti, che ha minacciato di chiedere ai suoi associati la rimozione dei conti correnti da Unicredit e Montepaschi, se l’imprenditore calabrese Nino De Masi non verrà risarcito dei danni causati dall’usura bancaria, così come stabilito dal tribunale. Viola poi spiega che al tavolo tecnico convocato per domani, sulla questione, dal governo: “Ci sarà un esponente di spicco della banca”. Aggiungendo, in merito ad un possibile risarcimento: “Vedremo“. Infine, in merito alle notizie secondo le quali l’Ad di Mps sarebbe stato visto, pochi giorni fa, a cena col sottosegretario Luca Lotti (Pd), all’enoteca Spiriti di Roma, non risponde in quanto si tratta “di vita privata”  di Max Brod

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le ombre su Unipol-FonSai e dipendente ‘spiato’: Stefanini non risponde al Fatto.it

next
Articolo Successivo

Olimpiadi 2024, basta con gli Stati nazionali: le organizzi Apple

next