Anonymous ha attaccato il sito personale di Matteo Renzi: per ore le pagine di matteorenzi.it sono rimaste fuori uso. Una “dimostrazione” virtuale che si unisce alle proteste dei manifestanti e dei lavoratori che hanno aderito allo sciopero generale indetto da Cgil e Uil. “Manifestanti che non si arrendono, siamo con voi – si legge in un messaggio inviato da Anonymous – Ci schieriamo dalla parte di chi ha il coraggio di contestare l’ordine costituito e non si piega nonostante le intimidazioni. A chi lotta affinché reddito, casa e dignità possano appartenere a tutti, non solo alle classi agiate, va la nostra stima. La disumanità di un sistema che non garantisce un alloggio e un sostentamento a tutti è deplorevole. Noi stiamo con gli invisibili, i dimenticati dai media e dai governanti con le tasche lorde di denaro”.

Nessun messaggio particolare sulla home page del sito personale del presidente del Consiglio. Solo una scritta “di cortesia”: “Pagina al momento non disponibile. Di solito è un problema temporaneo, si prega di riprovare”. “Alzate la voce! Lottate! Vogliono convincerci che i terroristi alberghino nelle piazze – prosegue una nota spedita a varie redazioni – Terrorista è lo Stato, terroristi sono i suoi tentacoli. E voi, pupazzi in divisa che non avete mai conosciuto la Dignità, con quale coraggio rientrate a casa senza sentire una morsa al petto dopo aver dato adito a violenze disumane? Continuate pure a reprimere, a obbedire. E coperitevi, nascondetevi ditro le belle armature per la vergogna, perché la vergogna vi appartiene”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Casaleggio: “Polizia non è il nemico. Sono persone abbandonate dallo Stato”

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, piano anticorruzione varato 10 mesi fa. Guidato da indagato

next