“Alla Gabanelli una sola risposta: querela per diffamazione e risarcimento danni per le menzogne contro Roma“, così il sindaco di allora, Gianni Alemanno, dopo la trasmissione di una puntata di Report curata da Paolo Mondani e intitolata Romanzo Capitale. A seguire una nota del suo ufficio stampa che comunicava: “Nella giornata di oggi il sindaco di Roma ha dato mandato all’ufficio legale di sporgere querela per diffamazione con richiesta di risarcimento danni per conto suo personale e della istituzione Roma capitale nei confronti del programma Report…“.

twitter alemanno

Come se non bastasse riuscirono persino a precisare che: “L’unico interesse della trasmissione è quella di rappresentare in modo negativo l’operato della amministrazione comunale e la stessa immagine di Roma”. Mai querela fu più temeraria!

Per coloro che non avessero visto l’inchiesta di Paolo Mondani, un giornalista serio e rigoroso, consigliamo di non perdere, questa sera su Rai3, la replica integrata da nuovi aggiornamenti. Chi la vedrà o lo rivedrà, avrà modo di scoprire che “Il Marcio su Roma” era già stato denunciato e documentato, chi poteva e doveva intervenire, preferì urlare al complotto ed invocare censure e bavagli. Chi ieri chiedeva risarcimenti alla Gabanelli e a Mondani, quanto dovrebbe pagare oggi per i danni già arrecati alla immagine di “Roma Capitale”?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, cinquanta anni fa come oggi? La professionalità conta qualcosa?

next
Articolo Successivo

Siae, una nuova e minacciosa campagna di sensibilizzazione. E la società editori promette di chiarire

next