“Alla Gabanelli una sola risposta: querela per diffamazione e risarcimento danni per le menzogne contro Roma“, così il sindaco di allora, Gianni Alemanno, dopo la trasmissione di una puntata di Report curata da Paolo Mondani e intitolata Romanzo Capitale. A seguire una nota del suo ufficio stampa che comunicava: “Nella giornata di oggi il sindaco di Roma ha dato mandato all’ufficio legale di sporgere querela per diffamazione con richiesta di risarcimento danni per conto suo personale e della istituzione Roma capitale nei confronti del programma Report…“.

twitter alemanno

Come se non bastasse riuscirono persino a precisare che: “L’unico interesse della trasmissione è quella di rappresentare in modo negativo l’operato della amministrazione comunale e la stessa immagine di Roma”. Mai querela fu più temeraria!

Per coloro che non avessero visto l’inchiesta di Paolo Mondani, un giornalista serio e rigoroso, consigliamo di non perdere, questa sera su Rai3, la replica integrata da nuovi aggiornamenti. Chi la vedrà o lo rivedrà, avrà modo di scoprire che “Il Marcio su Roma” era già stato denunciato e documentato, chi poteva e doveva intervenire, preferì urlare al complotto ed invocare censure e bavagli. Chi ieri chiedeva risarcimenti alla Gabanelli e a Mondani, quanto dovrebbe pagare oggi per i danni già arrecati alla immagine di “Roma Capitale”?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, cinquanta anni fa come oggi? La professionalità conta qualcosa?

prev
Articolo Successivo

Siae, una nuova e minacciosa campagna di sensibilizzazione. E la società editori promette di chiarire

next