Gli angeli di Victoria’s Secret hanno invaso l‘Earls Court Exhibition Centre di Londra: questo il luogo scelto per la sfilata del popolare marchio di lingerie americano, andata in scena il 2 dicembre. Tra le modelle che hanno calcato la passerella Daniela Braga, Jourdan Dunn, Behati Prinsloo, Adraiana Lima, Joan Small. Molti i personaggi famosi che hanno preso parte all’evento, compresa la cantante Taylor Swift, che si è esibita durante lo show (così come Ed Sheeran e Ariana Grande).


L’utilizzo di personaggi famosi come testimonial e l’organizzazione di show spettacolari per presentare le collezioni sono due tra le più importanti chiavi di successo del marchio americano fondato nel 1977 dall’imprenditore Ray Raymond: ex studente della Stanford University, Raymond ebbe l’idea per via dell’imbarazzo provato nel comprare biancheria intima per la moglie negli scaffali di un grande magazzino.

Decise così di trasformare l’imbarazzo in business e aprì il primo negozio grazie a un prestito di 80000 dollari: l’azienda è stata poi ceduta a Leslie Wexner, fondatore di Limited Stores. E’ stato proprio Wexer a introdurre l’idea di promuovere il brand attraverso testimonial famose e show mirabolanti. In ogni sfilata il momento clou è rappresentato dai “reggiseni gioiello“: lo scorso 2 dicembre ad indossarli sono state  Adriana Lima e Alessandra Ambrosio, che hanno portato in scena lingerie tempestata da 16000 diamanti, zaffiri, rubini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

RiFatto – Abbandono, degrado ed ecomostri ‘rivisti e corretti’ dall’Urban Art

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, ecco la mappa del potere tracciata dalla procura – INFOGRAFICA

next