Secondo la rivista tedesca Softonic, WhatsApp potrebbe fare dietrofront sulla ‘doppia spunta blu‘, ovvero il sistema di notifica di lettura introdotto la settimana scorsa. Un nuovo aggiornamento dell’app potrebbe rendere questa funzione non più obbligatoria.

Molti utenti hanno protestato e sono stati escogitati vari stratagemmi per evitare la controversa conferma di lettura, come l’attivazione della ‘modalità aereo sul proprio smartphone che permette di leggere un messaggio senza che appaia al mittente la ‘doppia spunta blu’.

Intanto è delle ultime ore la notizia che Facebook Messenger continua a crescere e taglia il traguardo dei 500 milioni di utenti al mese.

Il boom di messenger
Facebook l’ha resa obbligatoria per poter continuare a scambiarsi messaggi con i propri amici via smartphone. Lanciata nel 2011 come prima applicazione indipendente di Facebook, Messenger si sta quindi avvicinando ai numeri di Whatsapp, che ha 600 milioni di utenti mensili. Whatsapp è di proprietà della stessa Facebook che se l’è aggiudicata nel febbraio 2014 per 19 miliardi di dollari.

Whatsapp e adulterio
Il 40% dei casi di infedeltà si scoprono tramite WhatsApp, aveva annunciato il Centro Studi dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani (AMI) incrociando i dati degli studi legali nella cause di divorzio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Masque attack, allarme virus iOS: “Sostituite app con versioni infette”

prev
Articolo Successivo

Digitale, la politica deve occuparsene. La tecnologia non aspetta

next