Era il 18 novembre scorso e la Sardegna veniva nuovamente colpita da un’incredibile alluvione. Uno scenario impensabile e drammatico. Precipitazioni e temporali mai visti prima. Una velocità e una forza che hanno sconvolto intere città e preso alla sprovvista numerosi cittadini. Le vittime furono ben 19 e i danni ancora oggi visibili.

maltempo 675

Il dolore è ancora intatto a distanza di un anno e gli scenari di quella devastazione purtroppo sono ancora ben visibili. Strade e ponti ancora nelle stesse condizioni di un anno fa. Famiglie ancora senza la loro casa e senza alcun risarcimento per i danni subiti. Una situazione che oramai è diventata insostenibile.

Ma la cosa che più preoccupa è la sensazione di impotenza che oramai regna di fronte alle prossime precipitazioni di questi mesi. Una fobia diffusa che ha colpito un po’ tutti: si guarda alle previsioni meteo con un grande timore e una continua paura.

In questi mesi poco è stato fatto per cercare di prevenire alla radice il rischio di nuove alluvioni: il dissesto idrogeologico è ormai diffuso in tutta Italia e non passa giornata che non si senta parlare di alluvioni e smottamenti. Il tutto frutto di una miope scelta urbanistica e di una speculazione selvaggia e continua. Nessuna volontà e attenzione nel rispettare le basilari regole della natura. Una responsabilità diffusa e collusa fra Enti, politicanti, costruttori e acquirenti; un atteggiamento menefreghista e superficiale.

Costruire a fianco ai fiumi, interrate canali, costruire sopra stagni e letti dei fiumi, costruire ponti e strade senza rispettare i capitolati, risparmiare sui materiali per intascarsi più tangenti e soldi, fregare sempre il prossimo e poi accorgersi di rimanere fregati tutti. Uno Stato spesso assente e poco capace di prevenire, controllare e punire.

Questo è frutto di quello che ormai succede sempre più spesso in questi anni. Il clima più o meno è sempre stato uguale e sempre in ogni caso conseguenza dell’operato dell’uomo. Ma le scelte politiche di dove e come costruire sono sempre e comunque di nostra esclusiva responsabilità. E tutto questo lo stiamo e lo pagheremo a caro prezzo se non ci sarà realmente un nuovo sistema urbanistico e di controllo. Vivere ogni anno questi mesi con l’ansia e la paura della pioggia e delle ormai costanti allerte meteo non è tollerabile e normale. Non è possibile vivere serenamente sapendo che ad ogni pioggia potrà riesserci una nuova alluvione.

Per ora è doveroso ricordare con affetto tutte quelle povere vittime e i loro familiari che vivono e vivranno queste giornate sempre con incessante dolore. Riprendiamoci le nostre vite e iniziamo ad avere una maggiore consapevolezza che la natura e il suo clima si comportano solo di conseguenza alle nostre scelte. Tutto può essere evitato. Basto volerlo e pretenderlo.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Allerta meteo, la logica della paura e la politica del far niente

next
Articolo Successivo

Tap, sul gasdotto nel Salento è guerra di carte bollate: il progetto rischia di saltare

next