“Ho pensato di mollare l’Italia e investire all’estero” ha spiegato Oscar Farinetti dal palco del World Business Foruma Milano. Puntualizzando però che “non appartengo alla categoria di imprenditori che se ne fregano, e quindi resisto e resto qui. A proposito delle polemiche sul precariato riguardo ai lavoratori di Eataly l’imprenditore ha precisato che “forse ho commesso qualche errore, ma io investo, creo ricchezza e pago le tasse nel nostro Paese. Riguardo ai dipendenti punto ad avere entro un anno l’80% di ragazzi assunti a tempo indeterminato in tutte le sedi”. E sull’idea di Davide Serra di limitare il diritto di sciopero il giudizio è netto: “E’ stata una stupidaggine ancor di più per il contesto in cui è stata detta, mi dissocio” di Mario Catania

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus 80 euro: calcolare gli effetti con cura

next
Articolo Successivo

La Siae e quell’antico refrain del carrozzone

next