Il ministro della Giustizia Andrea Orlando definisce le dimissioni del giudice Enrico Tranfa “un errore”. Il presidente della seconda Corte d’appello di Milano si è dimesso lo scorso 17 ottobre dopo la sentenza di assoluzione di Berlusconi sul caso Ruby. Il ministro è intervenuto alla trasmissione Mix 24 di Giovanni Minoli su Radio24. Orlando precisa che: “Le responsabilità si assumono insieme e si condividono. Ma questo è un elemento che prescinde persino dall’ambito della magistratura, credo sia una cosa che dovrebbe regolare la vita pubblica in tutti i suoi ambiti”.

Tranfa ha lasciato la toga un anno e mezzo prima di andare in pensione e il gesto è stato interpretato come un evidente dissenso nei confronti degli altri due giudici Lo Curto e Puccinelli con i quali non condivideva le motivazioni del verdetto nei confronti dell’ex Cavaliere. Dopo aver vergato i motivi che annullavano la condanna a 7 anni per Berlusconi, ha scelto di lasciare la magistratura probabilmente perché in minoranza in camera di consiglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lanciano, “frustava col rosario e faceva leccare il pavimento”: prete a processo

prev
Articolo Successivo

Schifani, il gip archivia: “Rapporti con mafiosi legati ad attività professionale”

next