Il ministro della Giustizia Andrea Orlando definisce le dimissioni del giudice Enrico Tranfa “un errore”. Il presidente della seconda Corte d’appello di Milano si è dimesso lo scorso 17 ottobre dopo la sentenza di assoluzione di Berlusconi sul caso Ruby. Il ministro è intervenuto alla trasmissione Mix 24 di Giovanni Minoli su Radio24. Orlando precisa che: “Le responsabilità si assumono insieme e si condividono. Ma questo è un elemento che prescinde persino dall’ambito della magistratura, credo sia una cosa che dovrebbe regolare la vita pubblica in tutti i suoi ambiti”.

Tranfa ha lasciato la toga un anno e mezzo prima di andare in pensione e il gesto è stato interpretato come un evidente dissenso nei confronti degli altri due giudici Lo Curto e Puccinelli con i quali non condivideva le motivazioni del verdetto nei confronti dell’ex Cavaliere. Dopo aver vergato i motivi che annullavano la condanna a 7 anni per Berlusconi, ha scelto di lasciare la magistratura probabilmente perché in minoranza in camera di consiglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Lanciano, “frustava col rosario e faceva leccare il pavimento”: prete a processo

next
Articolo Successivo

Schifani, il gip archivia: “Rapporti con mafiosi legati ad attività professionale”

next