L’economia del Brasile dovrebbe crescere quest’anno dello 0,7 per cento. La Banca centrale brasiliana ha rivisto al ribasso la precedente stima dell’1,6 per cento di crescita per il 2014. Se realizzato, questo tasso di crescita sarebbe solo un terzo rispetto al 2,5 per cento che il Brasile ha registrato nel 2013. Sarebbe la peggiore performance per il Prodotto interno lordo del Brasile dal 2009, quando la crisi finanziaria ed economica globale ha portato ad una contrazione dello 0,33 per cento.

La banca ha spiegato che la revisione al ribasso è basata sul Pil registrato nel primo semestre dell’anno. La produzione industriale è destinata a scendere dell’1,6 per cento l’anno e questo spiega la stima. Tecnicamente il Brasile è in recessione, dopo due mesi di contrazione del Pil. Tuttavia, la Banca centrale ha sottolineato che “le prospettive per il secondo semestre indicano una espansione dell’attività”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prada, indagine fiscale per stilista e marito. Chiesta proroga indagini da pm Milano

prev
Articolo Successivo

Censis: “La crisi colpisce anche i prodotti contraffatti. Calo dei prezzi del 18%”

next