Stella Adler (leggendaria insegnante di recitazione di innumerevoli attori e attrici divenuti a loro volta leggenda, come Marlon Brando, Robert De Niro e Dolores del Río) diceva: “Il teatro è la radiografia spirituale e sociale del suo tempo; è stato creato per raccontare alle persone la verità della vita e la verità della condizione sociale”.

Non stupisce, dunque, se lo “spettacolo” per eccellenza sia stato così di sovente considerato sgradito e inviso a detentori di poteri e di segreti ritenuti esclusivi, insvelabili, a fasi alterne ma continue nella storia, ed abbia dovuto affrontare le più agguerrite vessazioni fino a piegarsi all’oppressione e alla censura. 

Tuttavia, pur senza spezzarsi. Perché anche oggi, anche in Italia, vibra con forza e con passione un fermento di nuovi teatranti che hanno deciso di innovare ispirandosi alle origini, per riportare in vita un palcoscenico dove tutto è sempre finto e nulla è mai falso.

In questo episodio di Creativi di Fatto, l’attrice e regista teatrale Thuline Andreoni ci offre una testimonianza preziosa di quel fermento e ci svela in cosa consiste il processo creativo nella creazione di un personaggio e di uno spettacolo teatrale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lady Gaga ft. Tony Bennett, li ascolti e ti senti un provinciale

prev
Articolo Successivo

Lecce, ex caserma Massa: la sentenza inaspettata del Tar sul recupero urbano dell’area

next