Si fingevano invalidi per non andare a lavoro. E invece due caporal maggiori dell’esercito italiano sono stati sorpresi mentre giocavano a calcio o facevano viaggi all’estero. Il caso è stato denunciato dal Quotidiano della pubblica amministrazione. “I due – scrive il giornale – si sottraevano dolosamente agli obblighi di servizio perché affetti da infermità inesistenti o quantomeno non tali da costituire impedimento allo svolgimento dell’attività lavorativa”.

Secondo le indagini, durante la presunta infermità il primo finto invalido invece di andare a lavorare usciva di casa e frequentava amici, ma l’uomo è stato anche visto giocare a calcetto e fare viaggi in Italia e all’estero. Nel frattempo il caporal maggiore riceveva il suo stipendio, “erogato grazie ai suoi raggiri dall’amministrazione, che subiva in questo modo un danno patrimoniale consistente”, denuncia il Quotidiano della pa

Il secondo militare, invece, di giorno usciva regolarmente dalla sua abitazione mentre di notte lavorava come intrattenitore nei locali. Condannati dal Tribunale Militare, i due falsi invalidi sono stati sanzionati dai giudici contabili della sezione del Friuli Venezia Giulia. Il caporal maggiore “calciatore” è stato condannato a risarcire 52.232 euro, mentre al collega “showman” sono stati chiesti 21.156 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco in Albania, “paese che ha sofferto per un terribile regime ateo”

prev
Articolo Successivo

Migranti: caro Mediterraneo, ti scrivo una lettera dal Sahel

next