La Formula 1 senza il rumore della Formula 1: è questo il segreto della Formula E, il primo campionato del mondo per monoposto elettriche che ha preso il via sabato 13 settembre a Pechino. Un campionato approvato dalla Fia che promette di essere un vero laboratorio per la mobilità a basse emissioni. E che, almeno nella sua prima giornata, è sembrato decisamente più interessante della Formula 1, anche per chi è appassionato di sport a quattro ruote. Ecco perché.

Perché è emozionante. Almeno a giudicare dalla prima gara, il fatto che il rombo sia sostituito da un sibilo non toglie pathos alle gare: si corre sulle strade cittadine in percorsi stretti in cui non mancano sorpassi e incidenti. Per quanto non raggiungano le velocità delle monoposto di Formula 1, le Formula E sfiorano i 240 km/h e scattano da 0 a 100 in 3 secondi. A Pechino, all’ultimo giro, uno spettacolare incidente fra Nicolas Prost e Nick Heidfled ha rivoluzionato la classifica. E per fortuna nessuno si è fatto male. Per la cronaca, ha vinto Lucas di Grassi del team Audi Sport. 

Perché è più facile da vedere. Tutto avviene in un giorno, sempre di sabato: due sessioni di prove libere, qualifiche e gara. Anche per gli spettatori che decidono di vederla dal vivo, la Formula E è molto più facile da seguire perché entro sera si conosce il vincitore del gran premio. In più le gare si svolgono in città: dopo Pechino, seguiranno, un gran premio al mese, Putrajaya (Malesia), Punta del Este (Uruguay), Buenos Aires (Argentina), Miami e Long Beach (Stati Uniti), Montecarlo, Berlino e Londra.

Perché si cambia auto a metà. Nonostante la gara duri solo un’ora, verso metà della corsa i piloti devono cambiare monoposto perché le batterie si scaricano. Per questo ognuno dei 10 team ha a disposizione quattro auto, due per ognuno dei suoi piloti. I piloti rientrano ai box e saltano dalla loro auto ad un’altra identica, se non fosse per il numero di colore differente che aiuta gli spettatori a capire se il pit stop è già avvenuto.

Perché la corrono uomini e donne. Su 20 piloti, due sono donne: l’americana Katherine Legge e l’italiana Michela Cerruti. Quest’ultima è in squadra con Jarno Trulli nel team svizzero Trulli Formula E Team. 13 piloti su 20 hanno già corso in Formula 1: fra loro Nelson Piquet, Nick Heidfield, Sébastien Buemi e Bruno Senna.

Perché promuove le nuove tecnologie. In questa prima edizione, la Formula E è una sorta di monomarca: le auto sono tutte Spark-Renault SRT_01E, con telaio in carbonio progettato dalla Dallara e pneumatici Michelin. Ma nelle prossime stagioni il campionato si aprirà alla competizione fra diversi costruttori, con una prevedibile ricaduta positiva sullo sviluppo della tecnologia elettrica e delle batterie. La Qualcomm sta già studiando un sistema di ricarica wireless in movimento che dovrebbe evitare il cambio auto a metà gara. Anche le safety car sono “green”, naturalmente: quest’anno sono le ibride plug-in BMW i8.

Perché è più social. Grazie al “FanBoost”, i tre piloti più votati su Internet hanno la possibilità di usare per cinque secondi un “boost” che aumenta la potenza delle loro auto da 150 a 180 kW (da 204 a 245 CV). È la prima volta che il tifo dei fan riesce a dare una “spinta” reale al pilota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto ibride, Ford va all’attacco di Toyota e lancia un nuovo modello

next
Articolo Successivo

AlphaCity, il car sharing (anche elettrico) ora contagia le aziende

next