Rispetteremo gli impegni“. Così il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, arrivando all’Eurogruppo in corso a Milano ha risposto alle domande sul rischio, evidenziato dall’ultimo bollettino della Bce, che l’Italia manchi l’obiettivo di un deficit di bilancio al 2,6% del Pil nel 2014. Quel target era “un obiettivo compatibile con un quadro macroeconomico diverso”, ha detto Padoan. Anche la Bce “ammette che il quadro macroeconomico è molto peggiore di sei mesi fa e c’è l’ovvia implicazione per i conti pubblici”. La conferma sull’impegno del governo arriva da un tweet del presidente del Consiglio Matteo Renzi: “Noi rispettiamo il 3%. Siamo tra i pochi a farlo. Dall’Europa dunque non ci aspettiamo lezioni, ma i 300 miliardi di investimenti”.

Quanto al patto per la crescita che Padoan, stando alle anticipazioni, intende mettere sul tavolo del vertice Ecofin di sabato, da parte della Germania “non ci sono resistenze”, ha sostenuto Padoan. “C’è accordo, il patto per la crescita è una proposta di tutti già sul tappeto”. Si tratta “di riforme strutturali, mercato interno e finanza per la crescita”. “C’è una forte convergenza sull’idea che gli investimenti sono essenziali in tutta Europa per la crescita, e gli elementi fondamentali sono riforme strutturali che migliorano l’ambiente per le imprese e più efficacia negli strumenti di finanziamento per attirare i capitali“. E a chi gli ha domandato un commento sulla richiesta della Francia di una dilazione dei tempi per rispettare i vincoli imposti dall’Europa sui conti, il ministro ha risposto: “Parigi è Parigi. E’ normale che nella riunione dell’Eurogruppo e nell’Ecofin di domani si parlerà della situazione di molti paesi”, compresa, dunque, la Francia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ue, Padoan: “Manca sforzo per crescita e occupazione, coordinare meglio politiche”

prev
Articolo Successivo

Ue, Prodi: “I falchi del rigore la smettano di fare i maestrini. Serve coraggio”

next