“L’Isis non ha ideologie né valori degli esseri umani, dichiara la sua ambizione di commettere un genocidio contro un antico popolo. E non ha un posto nel Ventunesimo secolo. Noi proteggeremo i nostri concittadini. Jim Foley? Onoreremo la sua memoria”. Parole dure quelle di Barack Obama, che da Marthàs Vineyard in Massachusetts, dove si trova in vacanza, ha detto la sua in merito all’uccisione del giornalista americano per mano degli estremisti islamici dell’Isis. “Il mondo è inorridito dal brutale assassinio di James Foley, ci deve essere uno sforzo comune per estrarre questo cancro, una cooperazione mondiale per fermare l’Isis” ha aggiunto Obama in un breve dichiarazione, sottolineando che “l’Isis non parla di religione. Le loro vittime sono in massima parte musulmani e nessuna fede insegna alla gente a massacrare gli innocenti. Continueremo a fare il possibile per proteggere il nostro popolo”, ha aggiunto, sottolineando di aver parlato con i parenti del ragazzo. “Ho parlato con la famiglia di Foley e gli ho detto che abbiamo tutti il cuore spezzato per la loro perdita e che ci uniamo a loro per onorare Jim. Oggi diremo una preghiera per Jim e per coloro che sono ancora in mano all’Isis” ha aggiunto Obama. 

Non solo. Il presidente degli Stati Uniti d’America ha anche promesso che gli States non rimarranno inerti dopo l’uccisione del cronista di guerra rapito nel 2012: “Quando viene fatto del male a degli americani ovunque nel mondo, noi facciamo ciò che è necessario per far sì che venga fatta giustizia“. Obama, poi, ha assicurato che gli Usa non si faranno intimidire dalle minacce dell’Isis e che continueranno a contrastare gli estremisti dello Stato islamico. Chiaro il riferimento al filmato dell’uccisione di Foley, in cui i militanti spiegano che l’esecuzione era una risposta agli attacchi aerei condotti da Washington in Iraq contro lo Stato islamico (ex Isis). Poi la minaccia: se gli Usa non fermeranno i raid, il gruppo ucciderà anche un secondo americano che è nelle loro mani, il giornalista Steven Sotloff, che compare alla fine del video.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Iraq, da al Zarqawi all’Isis: dieci anni di jihad e tagliateste

prev
Articolo Successivo

Ucraina, Mosca chiude 4 McDonald’s. “Pronti a bandire Coca cola e iPhone”

next