Le Olimpiadi di Helsinki del 1952 ebbero un cronista d’eccezione, lo scrittore Italo Calvino. Pier Paolo Pasolini raccontò i Giochi di Roma del 1960. Nick Hornby, la sua Febbre a 90° per l’Arsenal. Nell’anno di Cesena città europea dello sport e del suo ritorno nella massima serie, a scendere in campo saranno anche i libri.

Dal 10 al 14 settembre, la città dei Tre Papi e del Pirata ospiterà la prima edizione della kermesse letterario-sportiva “Passaggi Sport Festival“. I riflettori saranno puntati sui libri che parlano di sport, attraverso le imprese e le personalità dei grandi campioni entrate nella memoria collettiva. Proprio come la gara di Daniele Meucci, l’atleta italiano medaglia d’oro a Zurigo nella maratona agli Europei di atletica leggera. Una vittoria storica che non sarà dimenticata. Pierre de Coubertin, fondatore dei moderni Giochi olimpici, diceva che per ogni individuo, lo sport è una possibile fonte di miglioramento interiore. In effetti chi corre, chi suda, chi fatica e chi gioisce, non dà vita solo ad un evento sportivo ma crea un insieme di sensazioni e di emozioni, sia individuali sia collettive.

Perché i campi da gioco, le piste atletiche, le palestre sono anche luoghi di storie. Storie che spesso riescono ad oltrepassare confini e ad abbattere muri. Storie di lealtà. Di vincitori e vinti. Di posti rimasti leggendari. Storie di violenza. Di sofferenza. Storie che a volte sono specchio della società e del mondo in cui viviamo. Da sempre la letteratura questo lo ha compreso. Saggi, biografie, romanzi, pagine e pagine di sport raccontato da scrittori e poeti, atleti e giornalisti che hanno riportato esperienze spesso vissute in prima persona.

La manifestazione “Passaggi Sport Festival” si terrà all’interno della Biblioteca Malatestiana, la prima biblioteca civica d’Italia e d’Europa. Prima nel Registro della Memoria del Mondo dell’Unesco del nostro Paese. L’evento vedrà la presenza tra gli altri anche del presidente nazionale del Coni Giovanni Malagò. Lo sport è cultura. Speriamo continui ad esserlo. Con o senza libri.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei nuoto, tuffi: Tania Cagnotto oro nel trampolino da un metro

next
Articolo Successivo

Premier League, guerra al caro biglietti: il Manchester City paga la trasferta ai fans

next