summer jamboree 2014Vestito di una t-shirt con una Marilyn Monroe stilizzata, e con un cappellino modello pescatore esistenzialista, anche a me è capitato di andare, un paio di anni fa, al Summer Jamboree di Senigallia, la kermesse estiva che ha riportato in auge i “fantastici” anni cinquanta-sessanta, aggiornati al tempo dei selfie. C’è chi non perde un’edizione: alla volta del Jamboree partono tante di quelle delegazioni di nostalgici di tempi non vissuti. Da ogni lembo della penisola. L’età media è bassa, o molto bassa.

E allora tutti per una decina di giorni felicemente di ritorno a cinquanta, sessant’anni fa. Nella musica, nel look, nel mangiare e nel bere, zero chilometro zero. Nel modo in cui le donne sentono di riscoprire la propria femminilità, e soprattutto sentono di doverla postare ogni due minuti su Facebook e su Instagram. Nel modo con cui gli uomini finalmente si reinventano uomini veri, mangiando scatolette di fagioli piccanti messicani e travestendosi da marinai che leggono libri di dischi volanti.

Il rito collettivo si ripete ogni estate. A Senigallia ho visto tatuatissime pin-up della porta accanto, bikers a cavallo di Harley Davidson prese con la finanziaria, letterine pon-pon e marina rette sexy. Ho visto vestitini floreali e abitoni della nonna, giacche di pelle come quelle di Marlon Brando e James Dean, memorabilia Hell’s Angels o Pippi Calzelunghe. E poi cowboys e fanciulle inopinatamente ripossedute da Betty Page e Nancy Sinatra. La colonna sonora riecheggia in ogni angolo della bella cittadina marchigiana, nei jukebox naturalmente, e nei copiosi concerti: Grease, Happy Days, sua maestà Elvis e Chuck Berry, i Beach Boys, Johnny Cash. Senza tralasciare i nostri eroi da musicarello: Adriano Celentano, Bobby Solo, Little Tony, Rita Pavone, il Peppino Di Capri prima maniera, quello miracolosamente r’n’roll.

Ho visto un mare moderatamente mosso di bretelle, camicie hawaiane e ciuffoni imbrillantinati. Era atteso per quest’estate anche un nuovo outfit di tendenza, il modello boy-scout vintage, in omaggio al premier Renzi. Ma non ha attecchito. Sarà per l’estate prossima, forse.

Prima o poi il fenomeno rientrerà e si rilanceranno, non so, i mitici Anni Venti, e allora tutti a ballare il charleston, in tuta da operaio-massa o in dress code da mondina.

Sempre a proposito di corsi e ricorsi: qualche giorno fa una mia amica, nata nel 1992, pure molto intelligente, mi fa: “Tutto si va mescolando. Il rockettaro balla in disco, l’ex-emo si tuffa nei dancehall hip-hop. Sai, oggi tira molto l’underground”. Ebbene, è scoppiata la moda dell’underground. Che rivoluzione. Mezzo secolo dopo Andy Warhol e i primi sussulti del cinema underground americano; venticinque anni dopo il boom della musica da discoteca “underground”.

Non ci si sforza nemmeno più di cambiare nome, e non s’inventa più nulla, signorina mia. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libri: la letteratura, l’amore e le lacrime nel romanzo di Cristiana Alicata

next
Articolo Successivo

Teatro, fenomenologia dell’irriproducibile

next