L’Aula del Senato con il voto di fiducia ha dato il via libera definitivo al decreto competitività. Il provvedimento è legge. I voti a favore sono stati 155, 27 contrari (tra cui anche Forza Italia), nessun astenuto. E’ dunque diventato legge il decreto 91 del 24/6/2014 che reca disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea.

Il decreto che contiene norme diverse e che toccano vari contesti è stato duramente criticato dall’opposizione. E lo stesso presidente del Consiglio Matteo Renzi ha riconosciuto alcune carenze nella gestione e nel coordinamento: “Io ho una squadra”, ha detto intervistato da In Onda, “di cui sono fiero e orgoglioso. Io ho sbagliato su un paio di passaggi, non so se da segretario del Pd o da presidente del Consiglio: ad esempio sul coordinamento dei testi del dl competitività perché lì l’abbiamo gestito non benissimo”. 

Polemiche a Palazzo Madama prima del voto di fiducia anche dal relatore Giuseppe Marinello: “Ci sarebbero stati tutti i motivi di rimandare il decreto in quarta lettura alla Camera”, ha dichiarato aggiungendo che il “testo non è stato per nulla migliorato” a Montecitorio “anzi si va in direzione opposta”. Poi ha detto di avere “delle perplessità personali sull’espunzione e sulle modifiche soppressive” alla Camera, rivolgendosi al ministro Boschi, Marinello parla in alcuni casi di “marce indietro incomprensibili”.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tetto agli stipendi: la casta non li rispetta

next
Articolo Successivo

“Recessione? Accelerare sulle riforme”. Ma alle leggi di Renzi mancano 148 decreti

next