Un cugino di Barack Obama è candidato con il Tea Party alle primarie repubblicane che si svolgeranno martedì 5 agosto in Kansas. In effetti Milton Wolf è solo cugino di secondo grado del presidente democratico, come ha ammesso lo stesso radiologo che domani cercherà di scippare la candidatura alle elezioni del prossimo novembre a Pat Roberts, il repubblicano moderato che da 33 anni rappresenta il Kansas al Senato. “Siamo cugini di secondo grado, potete credere ad una cosa del genere? Il prossimo Ted Crux è il cugino conservatore di Barack Obama”, ha detto Wolf, paragonandosi ottimisticamente al senatore del Texas diventato uno dei leader del Tea Party al Congresso. La rivelazione di Wolf è arrivata in un recente comizio, in cui il candidato ha ammesso tra i tanti attacchi personali che gli sono stati fatti nella campagna elettorale da Roberts, ‘’unico vero è quello della sua parentela con Obama la cui madre, Stanley Ann Dunham, era del Kansas.

Wolf ha raccontato di aver incontrato Obama durante una visita del presidente a Kansas City nel 2010. “L’ho guardato negli occhi e gli ho detto che sta sbagliando tutto”, ha raccontato il cugino conservatore, senza esitare nel definire il suo parente “il peggior presidente della storia”. Il repubblicano ritiene di essere finito nel mirino del governo americano per aver pubblicamente e ripetutamente, nelle sue diverse apparizioni televisive, attaccato il cugino alla Casa Bianca. Da vero esponente del Tea Party, movimento radicalmente anti-tasse, Wolf  ha denunciato di essere stato perseguitato dall’Irs, l’Internal Revenue Service (l’Agenzia delle entrate), ma di aver alla fine vinto la sua battaglia, ottenendo anche la soddisfazione di ricevere un rimborso dall’odiato fisco federale. Roberts viene considerato il favorito, ma la campagna elettorale è stata molto dura, soprattutto dopo che è stato rivelato che il senatore da tempo non risiede effettivamente in Kansas, dove mantiene la residenza ufficiale in un indirizzo fittizio, ma vive stabilmente in Virginia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gaza, Londra rivede forniture militari a Israele: “Basta, se usate per repressione”

prev
Articolo Successivo

Gaza, “lancia le bombe evitando i civili” Bufera sulla app di Google: “Cattivo gusto”

next