Zayn Malik, membro dell’osannata boy band One Direction, è al centro di una feroce polemica a causa di un giudizio sulla guerra di Gaza espresso su Twitter. “#FreePalestine“, ha twittato la giovanissima popstar, esprimendo un appoggio netto alla causa del popolo palestinese contro le operazioni militari israeliane sulla Striscia. Un tweet che ha avuto una larghissima eco mediatica, in virtù del vasto numero di follower di Malik: 13 milioni di persone. Il messaggio ha scatenato una forte polemica e i suoi “seguaci” si sono divisi tra coloro che hanno condiviso il “cinguettio”, circa 200 mila utenti, e chi non ha digerito l’appello: “Ammazzati” o “Fatti ammazzare”, gli hanno risposto gli utenti più infuriati. “Io ho 15 secondi per raggiungere un rifugio” in caso di missili, argomenta una ragazza. “Hamas vuole la mia morte – continua – Israele ha diritto a difendersi”. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gaza: onore ad Udi Segal, obiettore di coscienza israeliano

prev
Articolo Successivo

Spagna, il ‘nuovo’ Re Felipe VI e la trasparenza

next