Ieri mio padre, mentre mi lamentavo per l’arrivo dell’ennesima tempesta, che mentre scrivo sta mettendo a ferro e fuoco la città, mi ha riferito un’affermazione di mio fratello: “solo mia sorella si è innamorata di una città nella quale nessuno di quelli che conosco vorrebbe vivere”. Ho chiesto a mio padre: “in base a cosa?” e lui mi ha detto: “anche per il tempo: uragani d’estate e temperature polari in inverno”.

Ora, premettendo che io, per lavoro e per passione, andrei a vivere anche in Alaska e che prima di New York, ho amato profondamente, e ancora amo, Napoli e L’Avana (dove volevo trasferirmi a fare l’insegnante), mi sono chiesta se davvero si possano basare le proprie scelte di vita sul meteo o sul cibo. Tanto per aggiungere una variabile che viene spesso usata da noi italiani. Il mio amico Riccardo, ad esempio, ha scelto la Florida perché detesta il freddo ma è anche vero che lì fa il lavoro che voleva. Io non vivrei mai in Florida (con tutte le dovute precauzioni con le quali vanno pronunciati i “mai”), ma, quando a NY scendiamo a meno venti gradi, un po’ di invidia per Riccardo la provo. Quando, però, mio padre mi ha chiesto cosa mi piaceva di NY io ho risposto, come prima cosa, “che i mezzi pubblici funzionano e si può vivere senza automobile”. Un esempio per sintetizzare l’esistenza di una serie di servizi che rendono la quotidianità più semplice e che, in Italia, mi mancano in maniera insopportabile.

Nel pomeriggio, è venuta a farmi visita la mia amica giapponese Mika che, sempre parlando dell’orribile tempo, mi dice “se almeno qui fosse come in Giappone dove i mezzi di trasporto sono sempre in orario e c’è l’aria condizionata persino nelle piattaforme di attesa dei treni”. Attraverso il suo racconto ho scoperto, dunque, che a Tokio, Sapporo o in qualsiasi altro centro del suo paese, le cose funzionano talmente bene che, in confronto, New York sembra un incubo. Contemporaneamente mi è venuta la tentazione di trasferirmi da quelle parti e ho pensato, con un brivido di terrore, alla mia prossima visita italiana. Quando ho raccontato a Mika che arrivare da Cava de’ Tirreni a Napoli è quasi impossibile senza auto, che i treni non sono mai in orario, che saltano le corse senza ragione, che spesso non hanno aria condizionata e che sono sporchi come pattumiere, mi ha guardato con perplessità. “New York ti sembrerà un paradiso allora”, mi ha detto. “Esatto”, ho risposto io.

Mi è venuta in mente allora una battuta di Luciano De Crescenzo che ricordava come, in fondo, si è sempre meridionali di qualcuno. A New York, siamo “meridionali” rispetto al Giappone, nel senso di avere una qualità di servizi peggiore. E ho improvvisamente capito perché così pochi giapponesi scelgono di vivere in Italia. E anche molti italiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F35, a terra tutta la flotta Usa: controlli del Pentagono dopo incendio in Florida

next
Articolo Successivo

4 luglio: il popolo del Bangladesh e il sacrificio per la libertà

next