A Parigi (ma non solo) il collettivo Jeudi Noir si batte da qualche anno, con una grande eco mediatica e con estrema efficacia, per la riassegnazione di edifici disabitati senza un progetto da più di due anni, a scopo di edilizia sociale per giovani e famiglie in difficoltà. Julien Bayou e soci hanno fatto scuola ormai anche in Italia, ed era inevitabile.
 
Perché un mese fa, il 23 maggio, a Torino alcuni volenterosi cittadini consapevoli o inconsapevoli di emulare i loro coetanei d’oltralpe, hanno responsabilmente fatto quello che dovremmo fare tutti, occuparci dei beni comuni senza delegare a terzi. Il bene comune nel caso specifico sono le Scuderie Reali dei Savoia, abbandonate da decenni di incuria (altro che due anni), e i terzi (manco a dirlo) sono quelli del Comune di Torino.
 

 
L’unica differenza vistosa rispetto all’esempio parigino è che in Italia queste battaglie si svolgono nel più assoluto torpore dei media, pochissimi articoli sulla stampa locale (figuriamoci quella nazionale) ma soprattutto nessuna telecamera di tg e talkshow. Ho avuto la fortuna di visitare la Cavallerizza e di incontrare loro e i loro buoni propositi. Ecco cosa scrivono di sé stessi e della loro esperienza che sarebbe semplicistico paragonare al Teatro Valle di Roma:
 
Il 23 maggio 2014 un’assemblea pubblica, riunita nel cortile, ha deciso la riapertura di un luogo, patrimonio storico-culturale dell’Unesco, nel centro cittadino, che era stato progressivamente svuotato di attività e di vita, privato della sua vocazione sociale e culturale e lasciato nel degrado che consegue all’abbandono e al disinteresse. Da quel giorno la Cavallerizza si è ripopolata di cura, dialogo, cultura, partecipazione, arte, giardinaggio, dibattiti, assemblee, persone che vogliono assumersi la responsabilità di un bene pubblico. (…) Lavoratori, studenti, precari, mamme e papà, attrici e militanti, tutti diventano Assemblea che agisce per un unico scopo: liberare la Cavallerizza da dinamiche economiche e di potere che troppo spesso sempre si impongono al vivere comune. La capacità di cittadini e cittadine, diversissimi tra loro, di sentirsi parte di un percorso unico, di sentire la Cavallerizza come se fosse casa, è qualcosa che “genera stupore” nelle persone (e fastidio nelle istituzioni). 
La massimizzazione dei profitti non è una logica necessaria, non lo è sicuramente per la cittadinanza. Né lo è la speculazione edilizia a fronte di mancanza di spazi di socialità, di parchi, di teatri e di scuole. La difesa della Cavallerizza, che è e deve restare pubblica e fruibile da tutti, rientra nella più ampia lotta per i beni comuni, per la partecipazione alla vita pubblica, per la casa, per modelli diversi di creazione culturale e di interazione sociale che siano in ascolto e accolgano davvero le esigenze, i desideri, e la volontà di partecipazione delle persone. L’assemblea della Cavallerizza continuerà questa battaglia sino a quando il comune di Torino non ne bloccherà la s-vendita, rivalutandone l’utilizzo, mantenendone l’accessibilità alla cittadinanza e la vocazione culturale, per restituire un angolo di bellezza alla nostra citta. PIÙ INFO (assembleacavallerizza1445@gmail.com – Giulia Druetta)
 
Staremo a vedere se il Comune di Torino sarà lungimirante come il Comune di Parigi ha dimostrato e dimostra di essere proprio quando è obbligato a rispondere nei fatti alle trovate mediatiche di quei simpaticoni di Jeudi Noir. I ragazzi della Cavallerizza Reale portano avanti la stessa battaglia ma senza l’appoggio dei media. Meriterebbero la stessa fiducia da parte delle istituzioni e la stessa attenzione mediatica.
Allora buon comple-mese cara Cavallerizza Reale. Blocchiamo la solita svendita e lunga vita al Re e alle sue stalle!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fotografia: Mario Dondero, il fotografo in trattoria

next
Articolo Successivo

Libri, un altro Mondiale è possibile

next