Guai per il colosso americano leader nel settore dei gruppi d’acquisto. Mercoledì sciopereranno i dipendenti della sede italiana di Groupon. Il portale online nel quale gli utenti registrati possono trovare ogni giorno offerte, organizzate per genere e città.

Secondo quanto riportano i sindacati, “l’azienda definisce le lavoratrici e i lavoratori non in linea con la filosofia aziendale dei ‘corpi infetti da eliminare‘ e minaccia di licenziare coloro che non sono performanti, cerca di individuare candidature spontanee per risoluzioni consensuali e addirittura – denunciano – afferma che ‘se non ci si rimette in linea, si può anche chiudere in Italia e portare tutto all’estero dove il costo del lavoro è inferiore”.

Il presidio di otto ore indetto dalla Filcams Cgil e dalla Fisascat Cisl, avverrà in corso Buenos Aires a Milano. “I lavoratori – spiegano le sigle in una nota – rigettano le continue provocazioni aziendali, tese a sminuire la loro professionalità. Le centralizzazioni di attività che l’azienda sta avviando unilateralmente, la mancata valorizzazione e incentivazione dei lavoratori – affermano -, non consentono di essere più competitivi e di aggredire maggiormente il mercato italiano”.

L’azienda da canto suo “respinge con fermezza le affermazioni inerenti violazioni di diritti in quanto, palesemente, infondate”. In una nota aggiunge: “Abbiamo investito tanto sulle persone e continueremo a farlo”. In Italia, prosegue, “Groupon continua ad assumere ed offrire posti di lavoro e piani di crescita internazionale. Groupon – conclude la nota – ha sempre riconosciuto la piena esplicazione dei diritti sindacali, sia come singoli sia come associazioni sindacali, mantenendo un sereno e costante confronto con le rappresentanze sindacali aziendali, nel rispetto delle relative previsioni di legge”.

Il colosso web americano è arrivato in Italia il 12 marzo 2010 con offerte sulle principali città italiane. Groupon Italia conta circa 450 dipendenti e ha la sua sede operativa e strategica a Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat Chrysler, dietro front di Marchionne 500 cassintegrati trasferiti a Maserati

prev
Articolo Successivo

Cgil, eletta la nuova segreteria. Entrano Baseotto, Fracassi e Martini

next