“Non potevo mancare qui visto il temporaneo prolungamento del mio mandato, che cerco di esercitare nei limiti del possibile fermamente e rigorosamente nell’interesse generale del Paese”. Con questa parole il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è intervenuto alla cerimonia per l’annuncio dei candidati della 58esima edizione dei premi David di Donatello al Quirinale. Secondo Napolitano, infatti: “L’interesse del Paese suggerisce cambiamenti e riforme in molti campi, anche in quello istituzionale”. Napolitano, dunque, torna a ribadire la volontà di proseguire con forti cambiamenti nel bene nel paese; per questo è necessario proseguire sulla strada delle riforme: “Quando dico che l’Italia ha bisogno di cambiamenti dico che bisogna liberarsi da schemi del passato, c’è bisogno di visioni più aperte che sprigionino energie innovative e qualità di crescita”, aggiunge.

Vista l’occasione il presidente della Repubblica ha sottolineato che il bene del paese “suggerisce uno sforzo in campo istituzionale senza precedenti che si impone per la cultura e per lo spettacolo, nostro retaggio storico consegnato in questi campi e attività”; ma secondo Napolitano per il cinema si sta già intervenendo “creando condizioni più favorevoli, per un settore fondamentale della nostra industria e della nostra arte”. Da Napolitano anche un apprezzamento al ministro per i Beni culturali Dario Franceschini per “la passione e la grinta con cui si è dedicato a questo suo impegno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La vignetta del giorno: Addio Livorno

next
Articolo Successivo

Governo Renzi: se Matteo fosse Silvio

next