Tra il luglio 2013 e il maggio 2014 la Guardia di Finanza ha scoperto 853 evasori totali e rilevato l’evasione di imposte per quasi 2 miliardi nel settore immobiliare. È questo il risultato degli oltre 1.100 controlli eseguiti su operazioni di compravendita, intermediazioni, interventi di ristrutturazione e riqualificazioni energetiche. Grazie all’incrocio delle informazioni contenute in varie banche dati con i bonifici relativi ai pagamenti, i finanzieri del nucleo speciale Entrate hanno individuato numerose imprese che non hanno dichiarato, in tutto o in parte, i ricavi delle attività svolte e persone che hanno occultato redditi. Sono stati poi i reparti territoriali, dopo questo lavoro preliminare ‘a tavolino’, a svolgere gli effettivi controlli sul campo e a scoprire gli evasori, che devono allo Stato 1,1 miliardi di imposte dirette, 760 milioni di euro di Irap e 100 milioni circa di Iva evasi. I soggetti denunciati per reati tributari sono stati 295.

Sul conto di alcune imprese sono emersi anche altri illeciti economico-finanziari. Una di queste, pur avendo ceduto e locato vari immobili, è risultata essere evasore totale. Amministrata, di fatto, da un prestanome già sottoposto a misura restrittiva della libertà personale per reati di criminalità organizzata, aveva incassato circa 15 milioni di euro di ricavi e doveva corrispondere all’erario Iva per quasi 2 milioni di euro. Commessi i reati, era stata trasferita nel Regno Unito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Istat, la produzione industriale torna a salire. In aprile +0,7% rispetto a marzo

next
Articolo Successivo

Usura, gli ex vertici di Mps Mussari e Vigni rinviati a giudizio

next