Si è conclusa nella notte una complessa indagine dei carabinieri del Comando provinciale di Milano per contrastare il mercato delle nuove droghe. L’operazione ha portato a una trentina di arresti in varie province. Dalle ricerche è emersa la varietà dei consumatori di questi miscugli di molecole sintetiche: si tratta di chimici, operatori sanitari, professionisti, impiegati, insegnanti di sostegno e studenti. Il consumo di queste nuove droghe ha anche provocato la morte di una persona. 

Un nuovo mercato delle droghe sintetiche; è questo il filone seguito dalle indagini dei carabinieri che, dallo scorso ottobre a oggi, hanno permesso di ricostruire “le modalità di acquisto, l’importazione e la distribuzione al dettaglio delle pericolose sostanze”. Per le 12 è prevista la conferenza stampa dei carabinieri, in cui verranno forniti ulteriori dettagli sull’indagine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Immigrazione, ancora sbarchi in Sicilia: a Pozzallo nave con tre morti a bordo

next
Articolo Successivo

Baby squillo, chiesti 16 anni e mezzo per Ieni, 6 per la madre di una delle minori

next