Entri nella maggiore età quasi a ridosso della prima Tangentopoli, e ti ritrovi adulto ai tempi dello scandalo Expo e/o Mose. I nativi digitali, probabilmente, nemmeno ne suppongono l’esistenza di figure e concetti d’antan come Pool di Mani pulite, Conto Protezione, concussi e concussori, Poggiolini e Mariolino Chiesa, Società Civile e monetine all’hotel Raphael, Pentapartito e l’altro Mariolino, Segni, in quegli anni l’Uomo Nuovo, col vento in poppa della mistica referendaria. Buon per i nativi digitali, almeno in questo caso; e comunque hanno avuto tutto il tempo per familiarizzare con le varie Rimborsopoli, Calciopoli, Vallettopoli, Terremotopoli, che si sono succedute senza posa nel frattempo, i ventenni d’oggi. 

Noi subentrati o immigrati digitali, ne serbiamo invece sempre fresca purulenta memoria, vent’anni dopo; e facciamo, quindi, una gran fatica a indignarci per gli inesauribili scandali avvenuti dopo, sempre più sfacciati, amorali e corazzati: di emergenza in emergenza, di nuovo che avanza  in nuovo che avanza che poi un po’ alla volta lentamente, sistematicamente torna indietro, ai nastri di partenza, o peggio ancora.
Ieri Montedison e finanziamento illecito dei partiti. Oggi Expo e Mose.

Come se incombesse su di noi un’impossibilità concreta di scandalizzarci veramente, ormai.  Una consapevolezza inane della natura pressoché farsesca dell’incurabile tragedia nazionale. E i colpevoli sono sempre altrove, e un plausibile capro espiatorio si trova sempre, e la protesta si sparpaglia in mille fiumiciattoli e correnti di antipartito, così lontane e così vicine, la politica ha bisogno come l’ossigeno dell’antipolitica. E se votano sempre in meno, meglio ancora per le caste.

Scendeva in campo Berlusconi e oggi sale in cielo Renzi, cambiano i cerchi magici e perde colpi ancora in culla la Democrazia Inconfutabile e autoregolantesi di Internet; alla saggezza infinita e redistributiva del liberissimo mercato già non crede più nessuno da un pezzo, e i canali televisivi si sono moltiplicati come idre dalle cento teste, ma in fondo trasmettono tutti le stesse cose.

L’eredità di Berlinguer è nostra? No, è nostra! O è vostra? Oggi che nemmeno Celentano si infervora più, e Vasco Rossi fuma sigarette elettroniche. Rubavano prima e rubano oggi, i politici, gli imprenditori, i burocrati italiani. A volte vengono scoperti e processati e qualcuno di loro finisce persino in galera. Poi ricominciano subito. Ne andrebbe della loro onorabilità.

Le nuove tangenti, i nuovi appalti pilotati, i nuovi giochi truccati, sono anche peggio di prima: sempre più sofisticati, si ammantano di pellicole di “ambiente, solidarietà, progresso”. Inutile animarsi, ribellarsi, farsi il sangue amaro? Tutto questo succedeva e continuerà a succedere. In queste proporzioni e con questa violenta coerenza interna, in Occidente, soltanto in Italia.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Gattopardo Renzi e il Gattopardo di Friedman

next
Articolo Successivo

Bersani 2013 e Grillo 2014, è stata colpa della paura di vincere? – II

next