“Ascoltare non solo la musica, ma ascoltarsi, parlarsi insieme”. Le parole sono del compianto maestro Claudio Abbado mentre i singoli che lentamente si confrontano e crescono insieme sono i componenti dell’Orchestra Mozart: fatta nascere da Abbado nel 2004, e negli anni accudita, cresciuta e infine lanciata nell’olimpo dei palchi internazionali della musica sinfonica. L’ensemble, con spazio prova al teatro Manzoni di Bologna, composto da giovani talenti concertistici e più maturi maestri della musica, è ora protagonista del documentario “L’Orchestra – Claudio Abbado e i musicisti della Mozart”, diretto da Helmut Failoni e Francesco Merini, che sabato 7 giugno 2014 sarà in anteprima nazionale nelle sale del Biografilm Festival di Bologna

Un lavoro di straordinaria levità di sguardo, e rispettosa distanza dalla materia viva e pulsante quale è l’esecuzione concertistica tra Schubert, Beethoven e Mozart, che racchiude soprattutto uno dei più preziosi, dolorosi, nonché eccezionali documenti da mostrare: le ultime apparizioni del maestro Abbado in pubblico. Due le interviste al direttore d’orchestra milanese, una del 2009 e una del 2013, che vengono riproposte in brevi frammenti mescolati alla presentazione divertita dei musicisti della Mozart, ripresi dal novembre 2012 al Musikverein di Vienna, fino al giugno 2013 a Bologna, passando per le sale di Madrid, Palermo e Lucerna. Davanti a loro il “Dio” Abbado, immancabile golfino rosso sulle spalle durante le prove, impeccabile in completo da sera per l’esecuzione in pubblico.

“Sono dieci anni che seguiamo il progetto della Mozart e il maestro Abbado – hanno spiegato Failoni e Merini -. Un viaggio iniziato nel 2004, poi proseguito in Venezuela nel 2005 quando Abbado scopre il ‘sistema Abreu‘ e un universo musicale nuovo, fino ai giorni nostri, nella sua ultima tournée europea con la Mozart, dove ci siamo misurati con una dimensione più intima e con il senso della fine e del limite”. Nulla però appare sepolcrale ne “L’Orchestra”, anzi. I sessanti minuti prodotti dalla Mammut Film e da Fabio Roversi Monaco diventano un beethoveniano inno alla gioia. Così il maestro racconta di quando con Zubin Mehta, per poter ascoltare e seguire il lavoro di Von Karajan a Vienna, entrarono nel coro come basso e baritono, o ancora di come catalogava e memorizzava le partitura per poi dirigere a memoria (“Più occhi vedo in un’orchestra, più sono contento”).

Sopra i tetti di Bologna, in quell’angolo di cielo di Piazza Santo Stefano dove in pochi sono entrati a guardare lo spazio in cui il maestro si rilassava, Failoni e Merini entrano ed escono come fossero di casa, per poi riallacciarsi con naturalezza alle storie straordinarie dei musicisti della Mozart: ironiche gerarchie tra strumenti e strumentisti (attenzione, il suonatore di viola è un po’ lo ‘sfigato’ del gruppo); giovanissimi esecutori scovati da Abbado tra Europa e Sudamerica – il contrabbassista Johane Gonzalez è forse il racconto ideale della ‘missione’ della Mozart -; monumentali solisti dello strumento come Reinhold Friedrich alla tromba o ancora Robert Kendell alle percussioni.

Peccato che l’Orchestra Mozart con la morte di Abbado non sia più riuscita a continuare il proprio percorso per mancanza di finanziamenti. I benefattori principali della nascita del progetto musicale furono proprio Carlo Maria Badini e Fabio Roversi Monaco, allora presidente della Fondazione Carisbo, oggi del complesso museale Genus Bononiae. “La mia parte l’ho fatta e l’ho conclusa – spiega a ilfattoquotidiano.it dopo la proiezione stampa del documentario Roversi – ora tocca ad altri”. Donatori all’orizzonte che dovrebbero parlare addirittura austriaco e svizzero, ma non più bolognese, così da scardinare il binomio magico e di successo che la Mozart creò con Abbado sotto le Due Torri: “Il futuro dell’orchestra può non essere solo Bologna – chiosa Failoni- mentre alla direzione d’orchestra potrebbero andare bene sia Diego Matheuz che Bernard Haitink”. Per chi non riuscisse a vederlo al Biografilm, l’appuntamento per L’Orchestra è su Rai5 il 26 giugno prossimo, giorno del compleanno di Abbado.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Fatto Quotidiano, festa a Gattatico 2014 Viva l’Italia viva – Il programma

next
Articolo Successivo

Caro Langer, abbiamo continuato in ciò che era sbagliato

next