A Teramo si andrà al ballottaggio per eleggere il primo cittadino. L’annuncio arriva solo a 20 ore dall’inizio dello spoglio, perché nell’ultima delle 80 sezioni elettorali del Comune abruzzese è servito uno scrutinio-bis.

La commissione elettorale centrale ha dovuto ripetere lo spoglio a causa della contestazione di una cinquantina di schede tracciate con una matita “ufficiale”, ma di colore diverso dalle altre e non registrata nell’inventario del seggio.

Lo scrutinio “ripetuto” non ha cambiato la percentuale del sindaco uscente Maurizio Brucchi (centrodestra), che resta sul 49,8 per cento e dunque non supera lo sbarramento previsto per evitare il secondo turno. Si confronterà con la candidata sindaco Manola Di Pasquale (centrosinistra), anche se l’ultima speranza di evitare un altro voto risiede nel ricorso con cui, domani, si chiederà la revisione delle schede elettorali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Emilia, ombra dei brogli sulla vittoria del sindaco. M5S: “Schede sospette”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Bari: la parità di genere non funziona. In consiglio solo 5 donne su 36

next