Il trionfo di Matteo Renzi è evidente. Ovazione al primo turno, conferma sostanziale nei ballottaggi. Chi ancora straparla di brogli è oltre il ridicolo (e infatti mi dicono che ne abbia riparlato Martinelli anche stamani ad Agorà. Poveretto). La perdita di Livorno e Perugia è però molto significativa. Non basta certo a dire che “Renzi ha perso” (figuriamoci), ma dà segnali evidenti. Livorno e Perugia sono due roccaforti rosse storiche. Averle perse è oggettivamente clamoroso, soprattutto Livorno, città in cui il voto è particolarmente ideologico (ancora oggi) e che denota una volta di più come larga parte di elettorato grillino sia o provenga da sinistra: chissà se Grillo e Casaleggio, prima o poi, ne prenderanno atto.

I renziani, che pure hanno tanti motivi per festeggiare, danno ora la colpa al “vecchio Pd”, che certo avrà – anzi ha – innumerevoli magagne: ma è una spiegazione parziale. Un’autoassoluzione facile. In primo luogo, il Pd senza Renzi non va da nessuna parte: il 25 maggio è stato un voto pro-Renzi e anti-Grillo, non un voto pro-Pd. Se davanti alle Picierno e Madia non ci fosse Renzi, ma Bersani o Letta, il Pd prenderebbe a fatica più del 20%. Resterebbe cioè perdente come sempre. Nel momento in cui l’elezione non è più percepita come un referendum pro-contro Renzi, il Pd torna il partito che era, capace di vincere a Pavia ma pure di perdere in luoghi fino a ieri impensabili per gli avversari. La forte astensione e lo scandalo Mose hanno poi agevolato i rovesci nei ballottaggi (anche Padova e Foggia, tra gli altri).

C’è però un altro aspetto, ancora più significativo: la ribellione della sinistra “vera” e “autentica”, che a Livorno e Perugia hanno ben conosciuto e ancora ricordano, nei confronti del riformismo gattopardesco di Renzi. Entrambe sono roccaforti rosse, e proprio per questo non hanno accettato di ridursi a succursali rosa. Livorno, oltretutto, ha visto nascere il Partito Comunista Italiano; comprensibilmente, quasi un secolo dopo, non ce l’ha fatta a veder rinascere la Democrazia Cristiana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ballottaggi, a Bari vince il Pd: da Emiliano a Decaro. Sconfitta del centrodestra

next
Articolo Successivo

Elezioni Livorno, base Pd: “Non abbiamo saputo ascoltare il disagio della città”

next