Si può morire di ciliegie?
quante ne devo mangiare di ciliegie
per morire di ciliegie?
Se mai dovessi suicidarmi
m’ammazzerei di ciliegie.

E si può morire di mancanza di gatti?
Per quanto tempo ancora
potrò vivere in assenza di un gatto nella mia vita?

Un giorno o l’altro mi troveranno stramazzato al suolo
e il Coroner dirà:
“Minchia una crisi d’astinenza da gatti di questo livello non l’avevo mai vista”.

E si può morire di mancanza di tuoi baci?
Per quanto ancora potrò sopravvivere senza?
Un giorno andrò in coma da mancanza di tuoi baci
e il medico dirà:
“Minchia trovatela subito!”
“Chi?” chiederà la capo infermiera.
“Ma come chi? La baciante!”.

E si può morire di solitudine?
Quante gocce di solitudine ancora
potranno assorbire i miei occhi?

Oggi ho comprato un chilo ciliegie
le mangerò stanotte
ne mangerò poche
lentamente
e bene.

Tranquilla, bambina
nessuna voglia di crepare.
Per essere un poeta
sono troppo di buon umore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Architettura & altro: Spazi abbandonati da vedere

next
Articolo Successivo

Robert Viscusi: la poesia come ‘quanto’ linguistico

next