Paul Simon, 72 anni, e la moglie Edie Brickell, 48 anni, accusati di disturbo della quiete pubblica. I due sono stati arrestati sabato intorno alle 8 dalla polizia nella loro casa a New CanaanConnecticut. All’origine c’è stato un violento litigio, a seguito del quale sono intervenute le forze dell’ordine che hanno prelevato entrambi. Simon e Brickell sono sposati da 22 anni e hanno 3 figli. Sono stati rilasciati ma dovranno comparire in giornata davanti alla corte di Norwalk.

Simon, del duo Simon & Garfunkel, ha vinto una dozzina di Grammy Awards, compresi tre come migliore disco dell’anno ed è stato insignito nella Songwriters Hall of Fame e nella Rock n’ Roll Hall of Fame. Dopo avere lasciato il duo, ha proseguito la carriera da solista. La moglie Edie Brickell, invece, alla fine degli anni ottanta è stata la cantante solista del gruppo folk Edie Brickell & The New Bohemians.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marocco: Aguinane, il reportage dai villaggi berberi

prev
Articolo Successivo

‘I have a drone’, ma il bomb-maker di Al Qaeda la fa franca

next