L’Ente nazionale per l’assistenza al volo (Enav), una delle prime società pubbliche in rampa di lancio per la privatizzazione, ha chiuso il 2013 con un utile di 50,5 milioni di euro, +9,4% rispetto al 2012. “Il migliore mai realizzato”, informa una nota della società che controlla e gestisce il traffico aereo, “nonostante il difficile momento del trasporto aereo” (i voli sugli aeroporti italiani si sono ridotti l’anno scorso del 6,4%). Il risultato va attribuito a una “attenta pianificazione e gestione degli interventi strutturali sulla base dell’evoluzione del mercato. Tra questi vanno evidenziati la riduzione dei costi di esercizio, un deciso miglioramento della situazione finanziaria e l’eccellente performance operativa”. Secondo l’amministratore unico Massimo Garbini, Enav “è ormai pronta a qualsiasi tipo di sfida, a partire dalla privatizzazione”. In marzo la commissione Lavori pubblici del Senato ha dato il via libera alla cessione sul mercato del 49% della società, per un incasso previsto di circa 1 miliardo. La società controllata dal ministero dell’Economia ha assistito nel 2013 oltre 1,5 milioni di aerei con un indice di puntualità vicino al 100% e, recita il comunicato, “ha ridotto la tariffa per il servizio sugli aeroporti facendo risparmiare alle compagnie aeree un totale di circa 20 milioni di euro”. Ma un’ulteriore riduzione, che peserà per oltre 60 milioni sul prossimo bilancio – quello post privatizzazione – è stata disposta dal governo Letta, che ha tagliato le tariffe 2014 dell’ente pubblico per tutte le compagnie aeree, con Alitalia tra i maggiori beneficiari dell’operazione. Non solo: il decreto Destinazione Italia ha anche abolito le addizionali su Fiumicino e Ciampino per i voli nazionali, su cui Alitalia è leader, coprendo le minori entrate con una riduzione dei trasferimenti statali all’ente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Antiriciclaggio, a 15mila euro la soglia di comunicazione obbligatoria di operazioni con estero

prev
Articolo Successivo

Dl Irpef, in vigore il bonus di 80 euro. Palazzo Chigi: “No prelievo sui conti”

next