Costi bancari trasparenti, procedure più rapide per cambiare banca, obbligo in tutti gli Stati di creare un sito web dove i consumatori possano confrontare le tariffe di tutte le banche del loro Paese, accesso ad un conto per tutti, anche migranti e chi non ha una residenza fissa: è quanto stabilisce la direttiva Ue proposta dalla Commissione e approvata martedì a larga maggioranza dall’Europarlamento.

Con la nuova legge, chiunque risieda legalmente nell’Ue, anche senza fissa dimora, avrà il diritto di aprire un conto bancario di base e a nessuno potrà essere negato tale diritto sulla base della nazionalità o del luogo di residenza. “Garantire l’accesso ai conti di base per tutti i consumatori, compresi i migranti e i cittadini in mobilità, stimolerà la modernizzazione economica, faciliterà la libera circolazione e aiuterà i più svantaggiati”, ha detto il relatore Jurgen Klute (Gue).

La legge inoltre punta alla massima trasparenza: il cliente deve capire costi e commissioni, tassi d’interesse e deve poter confrontare le offerte. Per questo in ogni Stato Ue, dovrà essere creato almeno un sito web indipendente che permetta di confrontare i tassi d’interesse e le tariffe applicate dalle banche. Infine, cambiare conto sarà più facile: i costi del passaggio saranno contenuti, la banca stessa si occuperà di trasferire alla nuova le domiciliazioni o gli addebiti permanenti, e ci saranno costi da disguidi, sarà la banca a pagare.

Contestualmente il Parlamento Ue ha approvato in via definitiva le nuove norme a tutela dei piccoli investitori. Prima di firmare un contratto, a tutti gli investitori non professionisti dovranno essere consegnate tre pagine, in formato A4, del KID (Key Information Document) così da aiutarli a capire e a confrontare prodotti di investimento pre-assemblati e basati sulle assicurazioni, a stimare il costo totale del loro investimento, nonché a renderli consapevoli del rapporto rischio-rendimento.

Il KID dovrebbe essere chiaramente separato dalla documentazione commerciale e preparato dal soggetto che ha creato il prodotto finanziario. Quando possibile, agli investitori sarà consegnato anche una “avvertenza di complessità” per avvertire che “il presente prodotto è considerato alquanto complesso e potrebbe non essere idoneo per tutti gli investitori al dettaglio”. Le nuove norme si applicano a tutti i prodotti d’investimento destinati ai piccoli investitori. Non si applicano invece ai prodotti di assicurazione non sulla vita, ai regimi pensionistici ufficialmente riconosciuti.

E se un piccolo investitore è in grado di dimostrare che la perdita finanziaria è stata causata dalle informazioni imprecise o incoerenti del KID, il creatore del prodotto di investimento potrebbe essere responsabile ai sensi del diritto nazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Banche, Confindustria Sicilia si costituisce in giudizio per soffocamento imprese

next
Articolo Successivo

Istat, Giovannini tenta il bis per la presidenza. Ma i candidati sono 40

next