Poi càpita
che la ragazza dal vestito verde
qualche mattina si desti un po’ arrabbiata
forse ha fatto sogni che l’hanno innervosita
forse qualcuno ha nascosto un pisello sotto il materasso
che le ha turbato il sonno.
Forse semplicemente
voleva dormire ancora un poco.
Sarà tua cura accompagnarla con piccoli baci
e parole in sussurro verso un risveglio buono.
Sarà bravura tua indurla al sorriso
raccontandole storie del buon risveglio
eventualmente facendole facce divertenti
nei casi più difficili il solletico.

 – Odio la mattina.
– Amo la mattina.

– La mattina è ingiusta.
– La mattina ha l’oro in bocca.

– Loro chi?
– Ma non loro, l’oro

– Certo, e tra un quarto d’ora sarò chiusa nel cesso
con te che da fuori abbatti la porta a colpi d’ascia.
– Il tuo ottimismo cosmico ha qualcosa di artistico.

– Perché non stai zitto e baciami?
– Sei più ragionevole di come ti disegnano.

Perché può capitare
che una ragazza dal vestito verde
incroci la tua strada una sera a primavera
o in un’alba estiva
magari un tardo pomeriggio d’autunno
foss’anche una notte d’inverno.

– Un viaggiatore?
– No grazie, tendo alla stanzialità.

– Vuoi far l’amore con me?
– Amo la retorica delle tue domande.

– Sei bello.
– Non è vero, scopami.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fotografia, la storia di Pecorino, il cane più fotografico che ci sia

prev
Articolo Successivo

Pompei e la Grande indifferenza. Un appello

next