La metropolitana entrando in una città viaggia fuori terra, attraverso ampi spazi vuoti, accostata a linee merci.

Una città che si sviluppa in piano è “sezionata” da una linea ferrata; mostra così, uno dopo l’altro, come sfoglie i suoi strati, da fuori a dentro.

Quando ancora gli edifici sono molto radi, la città si presenta con un’immagine che schiaccia, sullo stesso piano del vetro del finestrino, chi abita sul margine insieme allo skyline di Downtown: può accadere così che un edificio gigantesco, il grattacielo per molti anni più alto del mondo, sia solo parte dello sfondo, non ancora mattatore indiscusso di ogni scena urbana, come dopo accade nel centro città.

[Bruce Graham, Fazlur Khan per S.O.M. / Skidmore, Owings & Merrill, Willis Tower già Sears Tower, Chicago 1973]

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musica classica, l’arte pianistica di Svjatoslav Richter in trentatré dischi

next
Articolo Successivo

Pronto? Sono Enzo Jannacci, chiamo dal Paradiso

next