Insalate di improbabile composizione, primi non sempre caldissimi e panini da trangugiare in un boccone con un occhio al piatto e l’altro all’orologio. Il menù della pausa pranzo in ufficio non è esattamente sinonimo di cucina saporita e di alta qualità. Ma a Parigi le cose stanno cambiando e i pasti che arrivano nei luoghi di lavoro su veloci furgoncini possono essere preparati nientemeno che da uno chef stellato. Si tratta di Mes bocaux, un’attività creata da Marc Veyrat, chef della Maison de Bois, e che si colloca sulla scia della tendenza che ha visto cuochi di prestigio liberarsi di un po’ di puzza sotto il naso e avvicinarsi al mondo dello street food o comunque a una clientela più “popolare” (un altro esempio parigino è il chioschetto Choux d’Enfer di Alain Ducasse e Christophe Michalak).

Il servizio mette a disposizione dal lunedì al venerdì pasti di 2-3 portate con pietanze che cambiano nel corso della settimana (complessivamente vengono proposti tre antipasti, quattro piatti principali e tre dessert più le bevande e un petit plus). I piatti, freschi perché cucinati ogni mattina, vengono poi portati negli uffici da una piccola flotta di food truck che riportano sulla fiancata la scritta “mieux manger, mieux vivre” (“mangiare meglio, vivere meglio”). Filo conduttore del menù è la riscoperta della cucina tradizionale francese, con l’utilizzo di ingredienti dimenticati e materie prime prodotte nella zona di Parigi in maniera sostenibile: “Vogliamo riprendere il controllo della cucina familiare francese – ha spiegato Veyrat – siamo i guardiani di quello che io chiamo il ‘vero cibo'”; anche se in realtà lo chef non demonizza le classiche e meno blasonate alternative da pausa pranzo: “Non ho niente contro McDonald’s, c’è spazio per tutti i tipi di ristorazione”. I prezzi dei pasti proposti da Mes Bocaux non sono certo popolari ma neppure proibitivi; 13,50 euro per il menù completo di tre portate e 11 se si ordinano due piatti. Un esempio di quello che propone il cuoco noto come “l’uomo col cappello” per il suo inseparabile copricapo? Uovo con granatina, insalata “matta”, brasato di manzo con verdure e tiramisù del Monte Bianco.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chef Rubio reinventa la dieta mediterranea in un libro

prev
Articolo Successivo

DMax, la “nativa digitale” che piace ai maschi. In 2 anni è già cult

next