“Mezzi, attrezzature e reagenti chimici scaduti. Non è stato possibile fare un’esercitazione. Non andiamo a morire come i canarini”. È la denuncia del sindacato Usb dei Vigili del Fuoco che lancia l’allarme in vista dell’arrivo delle navi con le armi chimiche dalla Siria nel porto calabrese di Gioia Tauro. “La responsabilità è del ministero dell’Interno. – dice il sindacalista Antonio Jiritano – Alfano sa che noi abbiamo le attrezzature in questo stato”  di Antonio Massari e Lucio Musolino

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi visita scuola a Siracusa intitolata a vittima di mafia, ma la sorella resta fuori

next
Articolo Successivo

Siena, museo di Santa Maria della Scala: zumba e karate tra le opere d’arte

next