Crescono le richieste di aiuto per pagare i debiti, che in sei anni sono aumentate del 300 per cento. Cambiano anche le tipologie di oneri da dover saldare. Se due anni fa chi chiedeva aiuto all’Adiconsum (Associazione italiana difesa consumatori e ambiente promossa dalla Cisl) lo faceva per onorare prestiti per l’acquisto di beni di consumo, adesso sono aumentate le persone che si accollano debiti legati al gioco e alle spese sanitarie. Ad affermarlo è a il presidente dell’associazione, Pietro Giordano, spiegando l’attività del fondo rotativo di solidarietà per i debiti insolventi che l’associazione gestisce per il ministero dell’Economia. Si tratta di un fondo che interviene per debiti fino a 25/30 mila euro, estinguendo il dovuto e rateizzandolo con interessi quasi a zero.

“La situazione peggiora di anno in anno – spiega Giordano – le richieste di aiuto che riceviamo sono infatti aumentate del 300% rispetto a sei anni fa quando abbiamo iniziato a gestire il fondo. Se all’inizio le insolvenze dei debiti erano per lo più legate a acquisti di beni di consumo, in particolare l’elettronica, o improvvisi crolli di reddito, negli ultimi due anni assistiamo a un aumento notevole dei debiti di gioco e di quelli fatti per pagare le spese sanitarie private o l’assistenza agli anziani, segno che la gente si ammala di più di ludopatia e ha perso la fiducia nel sistema sanitario nazionale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo agenzie di rating, gup Trani ammette Adusbef e risparmiatori come parte civile

next
Articolo Successivo

Spread ancora giù, scivola sotto 190 punti. E’ la prima volta da giugno 2011

next